Domenica, 22 Settembre, 2019

Alessandro Cattelan risponde ad Ermal Meta

Fabrizio Moro ed Ermal Meta Ermal Meta contro Alessandro Cattelan: il conduttore si difende ANTEPRIMA
Deangelis Cassiopea | 06 Marzo, 2018, 21:29

Il programma di Alessandro Cattelan, che si presenta come la versione italiana di a Letterman Show, in occasione dell'ultima puntata ha visto un un'ascesa determinata dalle critiche fatte a Fabrizio Moro ed Ermal Meta, ancora vittime del caso "plagio Meta - Moro"...

Da cosa hanno origine le battute di Noemi e Cattelan? Ermal, facciamo pace. Non ci conosciamo, a pelle mi stai molto simpatico, ci sta quello che hai scritto, spero che tu non te la sia presa, era solo una battuta, quello che facciamo di lavoro, che poi faccia ridere o non faccia ridere è il gusto personale e soggettivo.

Dopodiché la cantante, anch'essa in gara nella kermesse di quest'anno e classificatasi al quattordicesimo posto con il brano 'Non Smettere Mai di Cercarmi', ha rincarato la dose lasciandosi scappare questa frase: 'Ma è un pezzo originale il tuo?'.

"Le avevo proposto una canzone per Sanremo, piena di luoghi comuni". Lei però ha rifiutato dicendo 'No, i luoghi comuni non vanno più'. Il brano "Non mi avete fatto niente", portato sul palco dell'Ariston da Ermal Meta e Fabrizio Moro, è stato quindi oggetto di ironia da parte di Noemi e del conduttore del programma di Sky Uno.

Ermal Meta contro Alessandro Cattelan: il conduttore si difende ANTEPRIMA

"Ho chiesto a Noemi di andare a Sanremo con una canzone sui luoghi comuni", inizia Cattelan.

Meta, imbeccato da qualcuno o davanti allo schermo a godersi la puntata di E poi c'è Cattelan, non è passato sopra questo sarcasmo. Immediata la risposta di Ermal Meta attraverso il suo profilo Twitter: "Sbaglio o non si dovrebbe parlare degli assenti?" "Ma perché non vivi più sereno, senza arrabbiarti pubblicamente per ogni cosa?"

La discussione, così, si è spostata sui social perché molti utenti hanno rimproverato ad Ermal di essere troppo permaloso. E poi, su, un po' di autoironia! E infine conclude: "Ognuno è libero di dire ciò che pensa, battute e risposte. Ma fatevela voi una risata, io rido già da mezz'ora, mi fanno male le mascelle".

Altre Notizie