Mercoledì, 08 Luglio, 2020

Un tranquillo lunedì di campagna elettorale: Gentiloni, Salvini, D'Alema, Berlusconi

Esposti Saturniano | 20 Febbraio, 2018, 16:08

"E' troppo forte?" chiede al leader di Forza Italia. "Se lo prende la Lega, decidiamo noi". Matteo Renzi è secondo, anche se di poco, con 10.375 citazioni e si distingue per essere il leader di partito che ha trattato in modo più aperto il tema (117 ricorrenze) di un possibile ritorno al voto nel caso in cui dalle elezioni non emerga alcun vincitore. Mentre sulla scelta esplicitata ieri dal padre nobile dei Dem, Romano Prodi, di sostenere Gentiloni, D'Alema replica che "non si può votare Gentiloni", anche perché "non si vota per Gentiloni ma per Renzi", e allora "a Romano dico con grande amicizia che voterà per Casini e per Renzi, ritengo che non sia utile né al paese né al centrosinistra".

Ma per Berlusconi è importante anche frenare l'avanzata dei 5 Stelle: "Non farli andare al governo è importante, visto che nel loro programma si parla di aumenti di tasse e di una tassa di successione al 45%". "Nel centrodestra se Forza Italia avrà un voto in più il presidente del consiglio lo farà Tajani, se prende un voto in più la Lega è chiaro che avranno più forza le battaglie della Lega e il presidente del Consiglio sarà della Lega".

Per quanto riguarda il dibattito fascismo vs antifascismo, Berlusconi si tiene alla larga: "Il fascismo è morto, è storia passata". La spiegazione è semplice, ed è quella che abbiamo chiamato equazione liberale della crescita: meno tasse sulle famiglie e sulle imprese uguale più consumi e più investimenti, quindi più posti di lavoro, più ricchezza diffusa, meno persone che dipendono dallo stato sociale, e questo a sua volta genera nuovi consumi e nuovi investimenti, innescando un circolo virtuoso che serve anche ai conti dello Stato.

Il centrodestra ufficialmente resta compatto nel dire no alle larghe intese e all'ipotesi di dar vita ad un'altra maggioranza rispetto a quella che si è presentata insieme alle elezioni. Per poi concludere: "Guarda che è stato un incontro fondamentale per la tua vita" conclude l'ex premier alludendo al consiglio dato alla giovane reporter. Lo dice Silvio Berlusconi a 'Che tempo che fa' su Rai uno. Ripeto, se condivide il programma, non ci saranno problemi.

"Tajani è una persona di buon senso": gli fa eco Guido Crosetto, capolista alla Camera dei Deputati per Fratelli d'Italia, ai microfoni di '6 su Radio 1' commenta le indiscrezioni che vorrebbero Antonio Tajani, Presidente del Parlamento europeo, come candidato premier per il centrodestra.

Altre Notizie