Mercoledì, 14 Novembre, 2018

Roma, Monchi: "Una squadra costruita per vincere"

Nessun rimpianto: Monchi e la cessione quasi obbligata di Salah Monchi: Pallotta renderà la Roma vincente
Cacciopini Corbiniano | 15 Febbraio, 2018, 17:54

Mi sono innamorato di questa societa' sin dal mio arrivo, ho capito subito quanto bene vogliono i tifosi a questo club e capisco che per i tifosi contano i trofei e non le plusvalenze.

Intervistato dai microfoni di Sky Sport, durante la trasmissione L'Originale, Monchi ha affrontato diversi temi. "Alla fine è arrivato un risultato insperato, perché il Psg sembrava più in palla, poi il Real ha vinto nel finale". Lui ha tutto". Di certo ha venduto Salah e visto che l'egiziano è a quota 30 gol i bonus continuano a salire e la Roma può arrivare a incassare quasi 50 milioni: "Alla fine possiamo arrivare a quella cifra, in quel momento avevamo bisogno di vendere e quella era un'opzione importante.

Avevamo bisogno di vendere e lo abbiamo venduto al prezzo giusto, poi la cessione di Neymar ha falsato il mercato. Poi c'è stato il casino di Neymar, Mbappè. che hanno fatto saltare un po' le cifre del mercato. "Poi, quando arrivai a Roma, Salah aveva già un'offerta del Liverpool e lui voleva andarci".

"Dipende dal momento (ride ndr), il valore sarebbe inquantificabile, come lo sono Messi, Cristiano o Harry Kane". Loro hanno fatto l'offerta e noi abbiamo fatto la nostra richiesta, ma non ci hanno accontentato.

Un direttore sportivo deve avere a che fare con un budget preciso? Per il Dzeko non eravamo convinti e non lo abbiamo ceduto, al contrario è stato per Emerson.

"Avremmo preso sicuramente un sostituto di Edin, non è che ci si mette Monchi in attacco. Giroud? Una possibilità, come lo era Batshuayi, ma non l'unica". In questo caso, anche se il direttore non l'ha detto espressamente, forse intendeva dire che effettivamente è molto difficile non ascoltare una proposta di oltre 30 milioni per un giocatore che ha superato la soglia dei 30 anni. "Lui è romanista, sono convinto che resterà qui per tanti anni". Lo scorso anno i giocatori del Manchester United esultareperchè hanno vinto un trofeo importantissimo.

Su Defrel e Schick: "Fino a oggi abbiamo speso 5 milioni per Schick e 6 per Defrel". Il suo ruolo è l'attaccante, ma può fare anche l'esterno: un buon giocatore gioca bene ovunque.

"Importantissima. Noi abbiamo un professionista di livello che lavoro a stretto contatto con i dottori". Stanno facendo bene. E' arrivato in finale di Coppa del Re e lotta per la Champions.

A che ora arriva nella palestra di Trigoria?

"Erano altri tempi. In Spagna c'erano portieri non troppo alti, ma agili e bravi nell'uno contro uno".

"E' vero. Io sono di quelle parti e il carnevale è la festa più importante".

Che rapporto ha con Pallotta? "Ha in testa una Roma che vince e alla fine ci riuscirà". Ma l'importante è saperlo e, in qualche maniera, conviverci.

Altre Notizie