Lunedi, 21 Mag, 2018

Muore Bea, la bimba di pietra: raggiunge la sua mamma in cielo

Facebook Facebook
Evangelisti Maggiorino | 15 Febbraio, 2018, 16:13

Così ha scritto zia Sara su FB; "Beatrice questa sera è volata via". In questo giorno, dedicato agli innamorati, ha deciso di correre abbracciare la sua mamma. "Saperle insieme sarà la nostra forza". Fu lei la creatrice, insieme con Stefania, del "Mondo di Bea", una pagina sui social nata proprio per parlare di Beatrice e della sua rarissima malattia. "Il mondo di Bea resterà in assoluto il miglior posto che io abbia mai potuto visitare, per sempre", scrive ancora questa sera la zia della piccola su Facebook.

Specialisti provenienti da tutto il mondo avevano studiato il caso della piccola Bea.

Un destino davvero beffardo quello di Beatrice, la piccola guerriera che tutta Italia aveva iniziato ad amare per le sue battaglie contro una rarissima malattia che non le aveva mai tolto la voglia di vivere. Eppure quegli occhi erano pieni di vita: Bea guardava i cartoni animati, si faceva truccare e ascoltava la musica. Desideriamo la tranquillità che meritiamo ed è per questo che vi chiedo di non scrivere in privato, saremo felici di leggere i commenti e i vostri pensieri sotto questo post. Addirittura, come raccontavano le cronache di Vatican Insider di allora, "Dopo avere fatto un appello a tutti i 4800 colleghi del comune di Firenze affinché facessero una donazione di 10 euro a testa si è messo in moto ed è riuscito tramite l'intercessione di Benedetto XVI a far ottenere a Beatrice ed alla sua famiglia una udienza privata da papa Francesco".

Bea nelle scorse ore è stata trasportata d'urgenza nel reparto di rianimazione del Regina Margherita: la piccola è deceduta in seguita ad una crisi respiratoria. La bambina era stata sedata per volere della famiglia, perché non soffrisse più del dovuto. I polmoni sono irrimediabilmente compromessi e ci sono poche possibilità di rimettersi. Così la piccola Bea, che a causa della sua patologia non poteva nemmeno essere intubata, doveva essere necessariamente ricoverata in ospedale.

"Ti guardo amore mio, e capisco che in questa vita vale la pena di lottare, sempre - recita un altro post pubblicato dalla zia - Mi hai regalato otto anni di vita vera". Questa volta non ce l'ha fatta, per un arresto cardiorespiratorio.

Altre Notizie