Lunedi, 21 Mag, 2018

Diritti TV, la serie A parlerà cinese: Orient Hontai acquista Mediapro

Diritti Tivu, Sky pronta a trattare con MediaPro ma pensa al piano B Sky, Pugnalin: 'Compreremo i diritti della Serie A. Con la Uefa mai nessun problema, in Italia serve trasparenza...'
Cacciopini Corbiniano | 14 Febbraio, 2018, 17:32

Diritti tv Serie A, Pugnalin: "Sky farebbe tariffe più bassi, ma". Aspettiamo di vedere nei prossimi mesi se e in che modo verranno aggiudicati a Mediapro", a spiegarlo è Riccardo Pugnalin, executive vice president dell'emittente satellitare, intervistato da 'Repubblica': "Siamo sicuri che i nostri abbonati continueranno a vedere le partite della Serie A su Sky.

"Nessuna diffida è irrilevante, anzi mi è parso di capire che sia servita a puntualizzare il vero e unico ruolo possibile da parte degli spagnoli, quello di mediatore di diritti". Siamo comunque contenti che un investitore straniero abbia deciso di puntare sul campionato italiano. Sul futuro però il gruppo si è disponibile a collaborare con gli spangoli di Mediapro: "La nostra azienda opera comprando diritti". Secondo le recenti indiscrezioni, infatti, sia Sky che Mediaset non intendono mollare l'osso e si sono messe al lavoro al fine di riuscire a trovare un nuovo accordo con MediaPro.

"La Lega Serie A ha ritenuto congrua l'offerta di Mediapro ma prima di aggiudicare ha sottoposto quell'offerta all'esame e alla autorizzazione delle Autorità di garanzia". Solo dopo gli operatori spagnoli potranno definirsi intermediari unici e come tali avranno l'obbligo di venderli. Ma secondo Sky c'è un rischio: "Speriamo che il loro progetto non porti a un prezzo del calcio più caro per i tifosi". "Infine Mediapro dovrà presentare le adeguate garanzie finanziarie come da regolamento del bando stesso".

Dal valore complessivo dei diritti tv annuali vanno tolti alcuni elementi: basandosi sulla stima effettuata dalla Gazzetta dello Sport per la stagione 2015/16, Calcio & Finanza ha tolto dal totale circa 50 milioni di commissione per Infront, successivamente il 10% per la mutualità, poi 60 milioni per il paracadute e circa 20 milioni tra premi per la Coppa Italia e altri versamenti per la Serie B: "Il totale si aggirerebbe, quindi, sull'1,2 miliardi di euro, contro i circa 924 milioni di euro attuali: un aumento, quindi, pari a circa 300 milioni di euro annui". "Mediapro è un broker di diritti". Alla fine probabilmente si tornerà al punto di partenza, ovvero Sky. "Cioè agli operatori, tra cui Sky".

"Perché mai Sky dovrà restare senza i diritti di Serie A?". Siamo l'operatore con maggiore esperienza e interessati a partecipare alla vendita dei diritti. Una grande azienda deve sempre avere un piano B. Ma le assicuro che, se le regole saranno uguali per tutti, questo non servirà.

Altre Notizie