Giovedi, 22 Febbraio, 2018

Mattarella: "Foibe, epurazione etnica frutto avvelenato del totalitarismo"

Vittime delle Foibe, a Campobasso il Giardino del ricordo Giorno del Ricordo, Ventura e Soldi al monumento degli esuli istriano dalmati
Evangelisti Maggiorino | 12 Febbraio, 2018, 01:13

Da qui le vittime di questo genocidio vengono anche chiamati infoibati.

Il Giorno del ricordo è stato istituito il 30 marzo 2004 e la legge che ne determina i parametri legislativi è la n. 92 votata e approvata, a larga maggioranza, dal Parlamento italiano il 16 marzo 2004. Lo ha dichiarato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Una tragedia provocata da una pianificata volonta' di epurazione su base etnica e nazionalistica.

Una delle pagine strappate più dolorose della storia del XX secolo, ancora tutta da ricostruire, e nella quale si intrecciano l'importante lavoro della Croce Rossa a favore degli esuli, il tema purtroppo molto attuale del sacrificio degli operatori umanitari e il prezzo che ancora oggi sono costrette a pagare le popolazioni inermi schiacciate da logiche di potere.

"L'Unione Europea è nata per contrapporre ai totalitarismi e ai nazionalismi del Novecento una prospettiva di pace, di crescita comune, nella democrazia e nella libertà".

A San Salvo questa mattina una corona di fiori tricolori è stata deposta dall'amministrazione comunale di San Salvo al Monumento ai Caduti in occasione del Giorno del Ricordo in "memoria delle vittime delle foibe, dell'esodo giuliano-dalmata e delle tragiche vicende che videro il coinvolgimento degli italiani al confine orientale nel secondo dopoguerra".

"Le stragi, le violenze, le sofferenze patite dagli esuli giuliani, istriani, fiumani e dalmati non possono essere dimenticate, sminuite o rimosse" perché ci ammoniscono dei "gravissimi rischi del nazionalismo estremo e dell'odio etnico". Nel capoluogo piemontese sono previste tre manifestazioni, in orari differenti ma nello stesso luogo: corso Cincinnato, dove furono accolte alcune delle famiglie istriane in esilio, ieri visitato da Giorgia Meloni, leader di Fratelli di Italia.

Altre Notizie