Domenica, 27 Mag, 2018

Carenza medici di famiglia: 80.676 in pensione nel 2028

Non ci saranno più medici: meno 45 mila in 5 anni Medici di famiglia in estinzione: fra 5 anni 14 milioni d'italiani resteranno senza
Machelli Zaccheo | 09 Febbraio, 2018, 20:44

E' l'allarme lanciato da Silvestro Scotti, presidente nazionale della Fimmg, la federazione nazionale dei medici di medicina generale, che affonda: "Dopo anni di denunce non ci resta che la massima provocazione e quindi esca allo scoperto chi (partito, uomo politico, funzionario di stato o regionale) ha il coraggio di sedersi a un tavolo per destinare le somme e i costi del nuovo e dei futuri ACN direttamente all'ente previdenziale e conseguentemente rottamare la medicina di famiglia". Un'emorragia che si aggraverà negli anni successivi.

Nei prossimi cinque anni 45mila medici di famiglia lasceranno il Servizio sanitario nazionale. Sicilia, Lombardia, Campania e Lazio le regioni che registreranno, sia nel breve sia nel lungo periodo, le maggiori sofferenze. Inoltre, evidenzia il vice segretario Anaao Carlo Palermo, "l'attuale sistema delle scuole di specializzazione in medicina non garantirà un numero sufficiente di specialisti per il prossimo futuro: oggi, i posti disponibili per le scuole di specializzazione sono complessivamente circa 6.500 l'anno, ma secondo le nostre stime ne sarebbero necessari almeno 8.500".

Nei prossimi cinque-otto anni, i pensionamenti dei medici di famiglia potrebbero privare "14 milioni di cittadini di questa figura professionale".

Il problema, secondo le organizzazioni sindacali, è che le uscite previste non saranno bilanciate da nuove assunzioni. Un vero e proprio esodo, che rischia di lasciare milioni di persone senza assistenza medica (la Fimmg calcola 14 milioni di persone entro il 2023). "Appare quasi ridicolo - sottolinea - assistere al fatto che nessuna forza politica che aspira a governare il Paese proponga e si impegni sul tema dell'assistenza territoriale".

Altre Notizie