Lunedi, 21 Ottobre, 2019

Droga e bullismo, arriva al app della Polizia per le segnalazioni

You Pol Polizia, arriva la app contro bulli e spacciatori
Evangelisti Maggiorino | 08 Febbraio, 2018, 16:24

L'App ha lo scopo di permettere a tutti, giovani e adulti, di interagire con la Polizia di Stato, consentendo l'invio di segnalazioni di episodi di bullismo o di spaccio di sostanze stupefacenti, anche in forma anonima se gli utenti non vogliono registrarsi, preferendo tuttavia la registrazione per le potenzialità di interazione che offre con le centrali operative delle Questure. Si tratta inoltre di un valido strumento che possono usare anche genitori e insegnanti quando vengono colti indizi di situazioni di criticità: è importantissimo che vengano segnalate, noi ci impegniamo a trattare tutte le segnalazioni a fondo per verificarle ed eventualmente procedere, con la necessaria cautela dato il contesto. Sarà consentito pertanto denunciare all'autorità di polizia fatti di cui si è testimoni diretti (anche mediante foto o immagini acquisite sul proprio dispositivo) o notizie di cui si è appreso in forma mediata (link, pagine web, ricezione messaggi, informazioni orali). L'applicazione è disponibile su tutti i dispositivi Android e Ios, sia per tablet che per smartphone. In aggiunta, consente di inviare con un semplice click una chiamata di emergenza al numero unico di emergenza (dove presente) o al 113 chiedendo l'intervento della polizia sulla base della provincia in cui ci si trova.

La progettualità di ultima generazione dell'applicativo garantisce la localizzazione esatta e immediata del dispositivo segnalante e del luogo interessato dall'evento. Le segnalazioni sono state circa 300.

Questo articolo ha ricevuto commenti!

L'app è comunque attiva per segnalare ogni tipo di reato.

Tramite You Pol è anche possibile contattare le forze dell'ordine attraverso la chiamata di emergenza. I cittadini devono percepire e considerare questa applicazione come un ulteriore passo per ridurre la distanza tra le istituzioni e le comunità.

Nel corso della conferenza stampa la Polizia ha mostrato come utilizzare l'App.

Altre Notizie