Venerdì, 23 Febbraio, 2018

SANREMO - Baglioni chiede scusa a Cuorgnè e agli Alpini cantando "Sul cappello"

Claudio Baglioni Claudio Baglioni
Deangelis Cassiopea | 07 Febbraio, 2018, 18:24

Nuova polemica per il Festival di Sanremo 2018: agli alpini non sono andate giù alcune dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa dal direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni. La battuta del direttore artistico non è passata inosservata: a Cuorgnè, nel torinese, dove ha vissuto ed è morto nel 1916 il generale Giuseppe Domenico Perrucchetti, fondatore degli Alpini. Tra l'altro li ho anche salutati, avrei cantato con loro chiedendomi se si fossero sentiti nel collegamento. Una presa di posizione che ha fatto il giro d'Italia sui media nazionali, complice la prima serata del Festival di Sanremo, argomento nazionalpopolare che, tutti gli anni, accende il gusto per le polemiche (non solo musicali).

Dopo il post di Davide Pieruccini diversi alpini avevano condiviso la protesta.

"Nessuno può minimizzare così il mondo degli Alpini - spiega l'assessore cuorgnatese, Davide Pieruccini - sono anche io un Alpino e mi sento offeso dalla frase che quasi considera il corpo una banda si disorganizzati". "Sebastiano Favero, presidente Associazione Nazionale Alpini, ha replicato: "(La frase di Baglioni) Non ci è piaciuta. "Caro Claudio Baglioni. Hai la fortuna di dirigere il Festival di Sanremo 2018". "Abito e sono assessore della città di Cuorgnè che è stata la dimora fino alla morte del Generale Perrucchetti, motivo in più per essere indignato". "Attendo e attendiamo - conclude l'assessore - delle scuse". "Davide Pieruccini assessore della Città di Cuorgné", ha scritto l'assessore di Cuorgnè su Facebook.

Altre Notizie