Mercoledì, 13 Novembre, 2019

Elezioni 2018, Meloni vuole il patto anti-inciucio ma Silvio se ne frega

Lucia Annunziata provoca Giorgia Meloni sul fascismo e viene zittita. I social si infiammano Elezioni, scontro fra Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni
Evangelisti Maggiorino | 06 Febbraio, 2018, 16:03

Sulle unioni civili Berlusconi afferma "noi siamo sostenitori della famiglia".

"Io non sono d'accordo con la parola inciucio, in Germania c'è una coalizione fatta alla luce del sole che va distinto da un accordo segreto", ha spiegato Berlusconi ospite della trasmissione Agorà. Dichiarazionecontestata successivamente dal Cavaliere che ha tenuto aprecisare, laddove necessario, "di non aver mai parlato dicoalizione allargata". "Non ci sarà nessun bisogno di una coalizione allargata in Italia perché gli italiani sono intelligenti e di buonsenso e vincerà il centrodestra". Ha preso atto la Meloni della precisazione, ma in serata è tornata all'attacco, chiedendo sia a Berlusconi che a Salvini di partecipare alla sua manifestazione sottoscrivendo "un atto solenne", perché "dire che non si è disponibili agli inciuci e non essere disposti a firmare un patto anti-inciucio è incoerente". Mossa che comunque non porterà al successo il leader dei dem: "La sinistra non è più in campo". Quindi, il mio medico mi ha detto: le liste falle fare agli altri. "Invece ho partecipato, ma il 90% delle scelte è stato fatto dai coordinatori regionali". Motivo del contendere l'apertura del leader di Forza Italia a Matteo Renzi che, dice Silvio Berlusconi dallo studio di RaiNews24, "ha le sue colpe ma ha anche il grande merito di aver eliminato il comunismo", tanto che, osserva il leader FI, "il suo partito democratico dovrebbe chiamarsi 'partito Social-Democratico'".

Altre Notizie