Domenica, 24 Giugno, 2018

Fisco, recuperati da evasione oltre 20 miliardi di euro

Fisco, nel 2017 recuperati oltre 20 miliardi dall'evasione fiscale Lotta a evasione, nel 2017 recuperati 20 miliardi I dati dell'Agenzia delle Entrate, presentati dal direttore Ernesto Maria
Esposti Saturniano | 03 Febbraio, 2018, 01:53

Il 2017 ha fatto registrare dati positivi e un nuovo record nella lotta all'evasione. E' il premier Paolo Gentiloni a sollecitare un'attenzione alla spesa perché non si vanifichi il lavoro svolto dall'Agenzia delle Entrate.

(Teleborsa) - Nel 2017 l'attività di recupero dell'evasione fiscale svolta dall'Agenzia delle Entrate ha riportato nelle casse dello Stato oltre venti miliardi di euro.

La cifra ufficiale sulle somme recuperate è più bassa rispetto a quella data come sicura da Maria Elena Boschi: la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio nel settembre 2017 aveva affermato che "dagli 11 miliardi del 2014 siamo passati ai 23 miliardi di quest'anno". Grazie alle lettere inviate dall'Agenzia delle Entrate, gli incassi hanno messo a segno un balzo del 160%, arrivando a 1,3 miliardi.

"Il quadro tracciato è quantomeno incoraggiante" ha dichiarato il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan commentando i risultati. In particolare, fanno sapere, i contribuenti che hanno presentato domanda di adesione alla rottamazione sono 1,5 milioni, mentre sono 6,3 milioni le cartelle e gli avvisi che sono stati oggetto di pagamento delle rate. Non è un fenomeno una tantum, ma strutturale e ciò permette di guardare con maggiore fiducia al futuro.

La presentazione dei risultati è stata quindi l'occasione per Gentiloni per lanciare una nuova sfida: "Bisogna impegnarsi per ridurre ulteriormente la pressione fiscale a partire dalle tasse sul lavoro".

Tornando al "bilancio" delle Entrate, la definizione agevolata delle cartelle (cosiddetta "rottamazione") ha garantito nel 2017 un gettito di 6,5 miliardi di euro, una cifra che ha portato a 12,7 miliardi il dato annuale di agenzia delle Entrate-Riscossione. Se però da queste cire si sottraggo i miliardi derivanti dalla voluntary disclosure, emerge un calo degli incassi da attività di controllo vere e proprie: a 7,5 miliardi nel 2015 e a 6,4 miliardi nel 2016. "Un processo che richiede tempo aggiunge - ma ci sono di anno in anno passi successivi che stiamo compiendo, dallo split payment alla fatturazione elettronica". Con la Commissione europea "vedremo, si tratterà come al solito di ragionare sui dati più solidi di previsione e sul riconoscimento che l'Italia continua a rispettare gli impegni", ha detto rivendicando la strategia del sentiero stretto.

Altre Notizie