Mercoledì, 14 Novembre, 2018

Cani allevati in cassonetti della frutta e acquari, maxi sequestro nel Veronese

Allevamento da film horror nel Veronese, sequestrati 180 cani Sequestrati oltre 180 cani in un allevamento nel veronese
Machelli Zaccheo | 01 Febbraio, 2018, 15:37

I Carabinieri della Forestale hanno scoperto un allevamento da film horror a Nogarole Rocca, in provincia di Verona. Gli animali sono stati trovati stipati dentro box, cassonetti per la frutta e addirittura in alcuni acquari, al freddo, alcuni in condizioni di isolamento, in condizioni carenti sotto il profilo igienico-sanitario.

Il blitz è scattato dopo che Striscia la Notizia aveva realizzato, in una delle sue ultime puntate, un servizio nel quale mostrava i maltrattamenti subiti e le condizioni in cui vivevano i quadrupedi nell'allevamento: a stretto giro di posta sono scattate le verifiche e il relativo sopralluogo presso il centro.

Sequestrati cuccioli e le loro mamme - Nel corso degli accertamenti è emerso anche che altri cani erano stati portati in un capannone a Isola Rizza, sempre nel Veronese, dove avrebbero dovuto riprodursi. Anche in questi locali sono state riscontrate condizioni igieniche precarie. I carabinieri forestali, su ordine del sostituto procuratore scaligero Giuseppe Pighi, hanno sequestrato 26 madri e 27 cuccioli, un provvedimento poi convalidato dal gip Laura Donati. Ora sono sono stati consegnati al rifugio Leudica di Merlara (Padova) per l'affidamento.

Altre Notizie