Martedì, 13 Novembre, 2018

Giorno Memoria: Fedeli, no a germi dell'odio

Repertorio Repertorio
Machelli Zaccheo | 23 Gennaio, 2018, 11:11

La programmazione della Stagione Teatrale 2017-2018 del Teatro Mancinelli di Orvieto continua con un appuntamento speciale che avvalora la mission formativa-culturale dell'Associazione TeMa.

Sabato 27 gennaio, in occasione della "Giornata della Memoria", l'amministrazione comunale di Sennori, in collaborazione con Comes (Cooperativa mediateche sarde) e con l'Istituto comprensivo organizza due appuntamenti per onorare le vittime dell'olocausto e insegnare alle nuove generazioni la storia di una tragedia dell'umanità, che non dovrà mai ripetersi.

La data del 27 gennaio è stata scelta dalla risoluzione 60/7 del 1° novembre 2005 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite perché proprio in quel giorno del 1945 le truppe dell'Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

Per tutte le iniziative programmate, il Capo dello Stato ha voluto destinare, quale suo premio di rappresentanza, una Medaglia che costituisce un segno tangibile del riconoscimento dell'impegno profuso dalle Istituzioni e dalle Associazioni partecipanti al tavolo di lavoro, istituito presso questa Prefettura, nella divulgazione dei temi della Shoah e della particolare sensibilità che la comunità genovese ha sempre mostrato al riguardo. La manifestazione, in programma il 26 gennaio, alle ore 17.00, si svolgerà all'interno dell'Auditorium della locale Scuola di Musica, fiore all'occhiello non solo del territorio deliese ma anche di tutto l'hinterland aspromontano. La storia dei deportati italiani nei lager nazisti ripercorsa attraverso immagini e documenti esclusivi. Il testo parte dal Diario per esplorare il complesso mondo emotivo e comportamentale dell'adolescenza. Grazie a questa straordinaria esperienza, hanno attraversato tutti insieme l'arcobaleno degli stati emotivi e degli umori di Anna: la sua forza interiore e di carattere, la sua infinita fiducia nel mondo e nella bontà dell'uomo, la sua vita interrotta sul nascere, le riflessioni mature, le insofferenze, le difficoltà, la gioia, la depressione, la scoperta dell'amore, la speranza, la voglia di fare, l'inconsapevolezza della tragica fine.

Altre Notizie