Giovedi, 24 Mag, 2018

Insetti nel piatto, o novel food: in Italia non sono autorizzati

Insetti a tavola, stop del Ministero “Nessuna specie è autorizzata” Insetti da mangiare: nessuna autorizzazione in Italia (per ora)
Machelli Zaccheo | 17 Gennaio, 2018, 21:37

Sono considerati commestibili oltre 1900 specie di insetti e, secondo la FAO, sono circa una novantina i paesi del globo in cui si consumano. Ma in riferimento all'articolo che disciplina le misure transitorie, spiega una nota informativa della Direzione Generale Igiene, Sicurezza alimenti e Nutrizione del Ministero della Salute, "alcuni Stati membri hanno ammesso a livello nazionale la commercializzazione di qualche specie di insetto in un regime di "tolleranza"".

Vuol dire che anche sulle nostre tavole potranno arrivare cibi preparati con le larve di insetti, sotto forma di hamburger e polpette.

Questa autorizzazione deve essere richiesta alla Commissione europea, che deve seguire delle linee guida pubblicate dall'Efsa (l'Autorità europea per la sicurezza alimentare).

Per il momento, gli insetti rimangono comunque lontani dai menu italiani.

Ciò premesso, si fa presente che ai fini dell'impiego alimentare gli insetti e i loro derivati si configurano tutti come novel food e che al momento nessuna specie di insetto (o suo derivato) è autorizzata per tale impiego.

La notizia aveva scatenato molte reazioni, ma l'8 gennaio 2018, con una nota informativa inviata al ministero delle Politiche Agricole, agli assessorati alla Sanità delle Regioni e Province e al comando dei Nas, il Ministero della Salute ha voluto fare chiarezza.

Nella nota del ministero si spiega che tutti i prodotti che rientrano nelle categorie definite dal Regolamento Ue, privi di una storia significativa di consumo alimentare nell'Unione Europea al 15 maggio del 1997, sono da considerarsi "novel food". Lo prevede il regolamento (UE) 2015/2283 in vigore dal primo gennaio, che prevede siano sottoposti ad una specifica autorizzazione per l'immissione in commercio. Il lasciapassare dell'Efsa implica anche l'accertamento della sicurezza per le quantità di assunzione proposte.

In Italia, ricorda infine il ministero, non è stata ammessa alcuna commercializzazione di insetti e quindi la commercializzazione come alimento di un insetto o di un suo derivato potrà essere consentita solo quando sarà rilasciata a livello Ue un'autorizzazione in applicazione del regolamento (Ue) 2015/2283. "Nel frattempo gli Stati membri che ne hanno ammesso la commercializzazione prima del 1 gennaio 2018 possono continuare a mantenerle sul loro mercato".

Altre Notizie