Martedì, 24 Aprile, 2018

Sanità, Quadrini: "Situazione al collasso, Zingaretti raffigura un Lazio distante dalla realtà"

Elezioni alla Regione Lazio Grasso dice sì a Zingaretti Regione Lazio, al voto il 4 marzo
Evangelisti Maggiorino | 14 Gennaio, 2018, 01:27

Il presidente del Senato e leader di Liberi e uguali, Pietro Grasso, ha parlato questo pomeriggio negli studi di Sky Tg 24.

Si va dalla previsione di forme di sostegno al reddito per il reinserimento dei disoccupati nel mondo del lavoro alla progressiva riduzione dei ticket sulla diagnostica e sulla specialistica, passando per la soluzione rapida della questione del ciclo dei rifiuti, senza però costruire inceneritori nel Lazio. La parlamentare grillina infatti si presenta al voto di marzo forte delle affermazioni pentastellate nelle precedenti elezioni amministrative che hanno visto la conquista di una decina di comuni da parte del M5S, in particolare quelle di Roma, Civitavecchia, Guidonia Montecelio, Nettuno. Zingaretti deve sapere che, anche se siamo a ridosso di una campagna elettorale, i cittadini ciociari non sono così sprovveduti da continuare a credere ai soliti annunci.

Per la precisione, il candidato designato dal centrodestra alla successione di Roberto Maroni, che ha rinunciato al secondo mandato, risulta in vantaggio di 5 punti percentuali sul rivale, il sindaco Pd di Bergamo, Giorgio Gori, storico esponente dell'area renziana.

"La salvaguardia della salute non è solo l'inoculazione del vaccino ma anche fare informazione preventiva e seguire i bambini nei giorni successivi, perché alcuni vaccini possono determinare effetti collaterali". L'importante è che non sia un'ammucchiata contro la destra o un accordo tra gruppi dirigenti. In quel periodo la candidatura di Gasparri, ancora oggi non ufficiale ma certamente più vicina, era poco più di una voce.

In questo contesto il centrodestra conta di giocare le sue carte, che non sono poche. "Quindi un legittimo dubbio su quali siano i fini che portano un governatore ad adottare determinate politiche viene, visti i finanziatori, visto chi c'è dietro i partiti, visti tutti i discorsi che conosciamo su lobby, banche e tutti gli scandali che abbiamo visto in questi anni".

Altre Notizie