Venerdì, 19 Gennaio, 2018

Whirlpool. La Embraco licenzia 497 operai su 537

PER INGRANDIRE PER INGRANDIRE
Esposti Saturniano | 13 Gennaio, 2018, 21:06

Nel silenzio dei ministero per lo sviluppo economico, Calenda impegnato ormai da tempo in campagna elettorale e in una sua personale disputa contro Regione Puglia e Comune di Taranto che, a dire il vero, ci mettono anche del proprio.

Torino, 12 gen. (askanews) - "Whirpool operazione sottocosto -537 famiglie" e' lo striscione che campeggia in Piazza San Carlo a Torino, dove è in corso un presidio degli operai dello stabilimento Embraco di Riva di Chieri, la cui proprietà ha annunciato 497 esuberi. Da ottobre i lavoratori e i sindacati avevano lanciato l'allarme per una situazione che non lasciava ben sperare.

Per il momento ci sarebbero convergenze tra la direzione dell'azienda e i rappresentanti dei dipendenti su diversi dei punti all'ordine del giorno, ma ancora non c'è accordo sulla politica dei salari del prossimo biennio, dice la società, che propone un aumento della componente variabile del salario, da pagarsi solo sui risultati, oltre a una crescita del salario base e una tredicesima in forma di gratifica per un aumento complessivo nei due anni del 18%, secondo l'azienda.

Prima con l'assemblea davanti alla fabbrica, a Riva presso Chieri, alla presenza dei sindacati. Nel 2017 erano stati evitati i licenziamenti grazie ad un contratto di solidarietà.

"L'Embraco - commenta Dario Basso, segretario generale della Uilm di Torino - continua sulla linea intransigente mirata a dismettere l'attività produttiva a Riva di Chieri e lo dimostra nei fatti con l'attivazione della procedura di licenziamento collettivo per tutti i lavoratori".

Per Federico Bellono, segretario della Fiom di Torino, "lo scenario che ci viene presentato è di gran lunga il peggiore tra quelli che si potevano prefigurare: dalla riduzione dei volumi annunciata nelle scorse settimane si passa al loro azzeramento, e quindi alla chiusura dell'attività produttiva".

E' la promessa che il candidato premier del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, ha fatto oggi ai lavoratori della Embraco, raggiunti ieri dalla lettera di licenziamento.

Altre Notizie