Lunedi, 22 Gennaio, 2018

Gentiloni striglia la sindaca Raggi: "Da lei poca efficienza"

Gentiloni bacchetta Raggi: Gentiloni attacca la Raggi: "Scarsa efficienza e segnali poco incoraggianti"
Evangelisti Maggiorino | 12 Gennaio, 2018, 19:50

"Quando è stato fatto il tavolo per Roma, qualcuno tra noi ha alzato il sopracciglio, ma noi siamo il governo della Repubblica e nei confronti di una città come Roma abbiamo sempre spirito di collaborazione, anche se non sempre è facile che ci sia da entrambe le parti per una certa riluttanza ad affrontare questo confronto". All'incontro, oltre a Gentiloni, hanno partecipato anche i ministri dello Sviluppo e delle Infrastrutture Carlo Calenda e Graziano Delrio, il presidente del Coni Giovanni Malagò e il presidente della Comunità di Sant'Egidio Andrea Riccardi.

"Roma non si governa soltanto facendo fronte alla sequela di emergenze - ha ricordato il premier al tempio di Adriano, in occasione dell'iniziativa 'Una Costituente per Roma' - un po' perché sono tante, complicate, sedimentate da così tanto tempo che anche l'amministrazione più efficiente farebbe fatica ad avere un'ottica solo di gestione di queste emergenze". E questo lavoro, ha evidenziato il titolare del Mise, deve cominciare "immediatamente" pur nella consapevolezza che gli effetti si dispiegheranno nel lungo periodo ma "ci sono delle misure che vanno fatte subito", ha detto Calenda indicando, in particolare, il problema della distribuzione commerciale che "crea nel centro di Roma una situazione indecorosa".

"Noi siamo il governo - ha assicurato Gentiloni - e non possiamo non avere uno spirito di collaborazione su Roma anche se talvolta questo aiuto è stato accolto con sospettosa riluttanza". "Il governo c'è, apprezza lo sforzo per dare alla città un respiro lungo e sollecita tutti ad avere per Roma l'ambizione universale che questa città merita". Il palcoscenico è l'iniziativa "Una Costituente per Roma" promossa da Roberto Giachetti.

"La crisi di Roma è una crisi di struttura industriale della città". "Ho pensato che il tavolo fosse utile - ha detto ancora - ci spero ancora, ma i segnali non sono per niente incoraggianti". Giachetti ha detto di non voler dare "alcuna valutazione politica sul presente", ma ha ricordato di aver cercato per un mese in vari modi di invitare la sindaca M5S Virginia Raggi. "Mi ha scritto alla fine il cerimoniale del Campidoglio - ha detto - spiegando che non poteva essere presente per impegni istituzionali". "Roma ha perso la poesia e la concretezza, perché è mancata la collaborazione tra le due cose", ha proseguito Calenda. Calenda e Delrio, ha ironizzato, "hanno scoperto tardi la difficoltà di parlarci...".

Altre Notizie