Venerdì, 14 Dicembre, 2018

Serie A, il Torino ha scelto il nuovo allenatore

Mihajlovic esonerato dal Torino, Cairo affida la panchina a Mazzarri Cairo sull'esonero di Mihajlovic: «Toro troppo discontinuo, mi aspettavo di più»
Cacciopini Corbiniano | 12 Gennaio, 2018, 18:40

E' quasi l'una di notte e Sinisa Mihajlovic è da poco rientrato in hotel ancora furioso per l'esito della stracittadina di coppa contro i cugini juventini, quando riceve una telefonata: è il direttore sportivo Petrachi il quale lo informa della decisione presa dalla società. Onestamente, amo partire da giugno, anche perchè sostituire un allenatore come Mihajlovic non è semplice.

Nel corso della sua carriera, Mazzarri ha spesso preferito scendere in campo con le 3 punte, ricorrendo solamente in qualche occasione al 3-5-2. Il numero di gol subiti non è cambiato (27), mentre i gol segnati sono drasticamente diminuiti: da 36 a 25. In Inghilterra ad un tratto ha fatto bene, ora è arrivato il momento che deve capire sin dagli allenamenti che deve tirare fuori tutte le sue potenzialità. Il presidente Cairo e il ds Petrarchi hanno visto in lui l'uomo dell'immediata svolta. L'ufficialità dell'esonero del tecnico serbo arriva però solo a mezzogiorno. Nelle ultime 8 giornate il Toro ha perso una sola volta, contro il Napoli, ma ha battuto soltanto la Lazio, in superiorità numerica dopo la contestata espulsione di Ciro Immobile. L'ex tecnico di Napoli e Inter (tra le altre) avrà a disposizione il suo staff: porterà con sé Nicolò Frustalupi (vice), Giuseppe Pondrelli (preparatore) e Claudio Nitti (assistente). Insomma, tutto pronto per la nuova esperienza di Walter Mazzarri al Torino.

È una luce che ha guidato anche le scelte sul mercato: gli acquisti di Niang e Ljajic, innanzitutto, i più costosi dell'era Cairo.

Dopo l'esonero di Sinisa Mihajilovic, il Torino ha ufficializzato l'arrivo sulla sua panchina di Walter Mazzarri. Dopo la pesante sconfitta nel derby di Coppa Italia - che ha eliminato i granata dalla competizione - il presidente del Torino Urbano Cairo ha ufficialmente esonerato Sinisa Mihajlovic.

Come al solito, il tecnico serbo ha utilizzato interviste e conferenze stampa per lanciare messaggi molto diretti ai suoi giocatori. Queste le parole di Corsaro che sul suo profilo si definisce "juventino di ferro", ma questo non giustifica certo il pesante epiteto rivolto all'allenatore. "Ma come, si sarà chiesto Mihajlovic, mi ringraziano per l'impegno e la passione e poi mi licenziano?". Mihajlovic è sembrato poco interessato alle questioni tattiche. Lo dico con dispiacere perchè erano sette anni che io non esoneravo nessuno per cui non era una cosa che mi piaceva fare sicuramente, però ho dovuto.

Altre Notizie