Mercoledì, 17 Ottobre, 2018

Clochard bruciato vivo: è moerro per lo scherzo di due minori

Clochard morto carbonizzato a Verona indagati due minori Clochard morto carbonizzato a Verona indagati due minori"Era uno scherzo Oggi alle 08:47
Evangelisti Maggiorino | 12 Gennaio, 2018, 14:51

Dormiva nella propria auto perchè aveva perso il lavoro. Ma gli accertamenti dei carabinieri hanno portato alla luce la nuova, terribile, ipotesi.

Stranieri rapinano sordomuta, bloccati - Tre cittadini nigeriani di 19, 22 e 25 anni sono stati sottoposti a fermo per rapina aggravata, compiuta nel sottopasso pedonale della stazione di Mestre, ai danni di una donna sordomuta di 43 anni. Il senzatetto che si addormenta con la sigaretta in mano, il mozzicone che cade sulle coperte che cominciano a prendere fuoco. Si chiama Gino Capo e non riesce a darsi pace: "L'ho detto subito ai carabinieri, non poteva essere stata una sigaretta". I due che rispettivamente hanno tredici e diciassette anni, si sono giustificati, affermando che quello voleva essere solamente uno scherzo, per tormentare nuovamente quell'uomo che da diverso tempo avevano preso di mira. Poi ha aggiunto che la moglie aveva visto i soliti ragazzini aggirarsi nella zona e che prima di vedere le fiamme ha sentito un botto. Il più piccolo che vista l'età non è imputabile, sentito dal magistrato, avrebbe raccontato di come è nata l'idea di tormentare quel clochard. Di corsa fino alla vettura. Il più grande avrebbe dato fuoco al primo pezzo di carta per poi lanciarlo nell'abitacolo, attraverso il finestrino. I due sono indagati: ma la "confessione" è al vaglio del tribunale per i minorenni di Venezia e viene presa con molta cautela dagli investigatori. Qualunque sia la vera dinamica, per gli avvocati della famiglia della vittima si è trattato di un omicidio volontario. Ora la notizia della sua morte ha chiaramente sconvolto tutti i familiari di Ahmed, i quali aspettano con ansia il rimpatrio della salma per celebrare il funerale, ma soprattutto che la giustizia italiana faccia chiarezza su una vicenda dai contorni ancora oscuri.

Altre Notizie