Domenica, 24 Giugno, 2018

Legge di Bilancio: Ecobonus 2018, è l'anno più conveniente per investire

Legge di Bilancio 2018: gli sgravi per le assunzioni Legge di Bilancio: Ecobonus 2018, è l'anno più conveniente per investire
Esposti Saturniano | 11 Gennaio, 2018, 21:37

A rendersi davvero interessante è anzitutto quella energetica, con tempi lunghi (sono agevolabili i pagamenti completati entro il 2021) e alcune novità: è stata declassata dal 65% al 50% di detrazione fiscale la sostituzione degli impianti di climatizzazione con caldaie e condensazione che non siano almeno di classe A, i generatori a biomasse, le schermature solari e l'installazione di infissi. I contribuenti incapienti (con meno di 8mila euro di reddito nel 2017) potranno quest'anno cedere il loro credito d'imposta anche a banche e intermediari finanziari per lavori sul singolo appartamento. In particolare, è ammessa soprattutto per tipologie di spese riguardanti la realizzazione di coperture su zone verdi. Nello specifico, saranno oggetto di agevolazione tutte le spese sostenute e documentate per attività di sistemazione, recupero e realizzazione del verde privato finalizzati all'assorbimento delle polveri sottili, alla mitigazione dell'inquinamento acustico e alla riduzione delle escursioni termiche. Il bonus sistemazione verde, non spetta sulle case di nuova costruzione.

Il bonus verde rappresenta a tutti gli effetti un'importante opportunità per tutti gli operatori del settore florovivaistico (produttori, giardinieri, commercianti, paesaggisti).

È prevista una detrazione del 65% anche per l'acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, fino a un valore massimo della detrazione di 100mila euro, a condizione che l'intervento porti a un risparmio di energia primaria pari al 20%. La detrazione sui lavori di giardinaggio, che comprende anche le spese di progettazione delle aree verdi, è ammessa su un tetto di spesa annuo di 5.000 euro ed viene riconosciuta anche per i lavori nei cortili e nei giardini condominiali. Quindi, niente pagamenti in contanti. Tale rimborso, sarà distribuito in dieci quote annuali e di uguale importo accreditati nei confronti del beneficiario della detrazione fiscale sulle aree verdi.

Secondo quanto previsto dal decreto sono esclusi dalla detrazione gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza inferiore alla classe A. Il limite della spesa per singola unità immobiliare è di 5mila euro e, nel caso di parti comuni di condominio, l'importo dell'agevolazione sarà rapportato alle singole unità. Con la presentazione al successivo anno della dichiarazione dei redditi, si potrà poi ottenere il rimborso in 10 rate mensili. La Legge di Bilancio 2018 mette a disposizione un fondo di garanzia per sostenere questi investimenti.

Importi massimi consentiti per la detrazione.

La misura è in via sperimentale e ad oggi se ne prevede una attivazione solo dal primo gennaio 2018 al 31 dicembre 2018.

Altre Notizie