Martedì, 21 Agosto, 2018

Barcellona, Abidal: "Quando ero malato, Messi non voleva che inviassi mie immagini"

Abidal e Messi Abidal e Messi
Cacciopini Corbiniano | 11 Gennaio, 2018, 21:13

Sapete cosa mi ha detto Messi? Feci un video prima di una gara per dargli ulteriori motivazioni, raccomandando di non preoccuparsi per me, perchè ero con loro. Ci sono alcuni compagni che mi hanno visto molto magro. Di non mandarne più, perché così facendo avrei ottenuto l'effetto contrario. "Ai loro occhi apparivo come un cadavere".

Ai microfoni di 'Canal+' Abidal svela gli attimi vissuti tra un'operazione e l'altra: "Avevo questo dolore che non avevo mai sentito in tutta la mia vita". Il nome del giocatore in questione è Eric che di cognome fa Abidal, colui che ha sconfitto il cancro al fegato.

Una storia di sofferenza e rinascita, quella di Abidal, visto che il difensore francese dopo la malattia ritornò in campo e due mesi dopo sollevò la Champions. Io pensavo di avere un bell'aspetto e quindi dicevo: "Forza ragazzi". "Leo mi ha detto che non gli piaceva vedermi così, però in nessun momento ha avuto parole cattive per me", ha scritto Abidal, chiudendo di fatto il caso.

Abidal, che ha chiuso la carriera da calciatore all'Olympiakos nel 2014, ha vinto praticamente tutto: 3 volte il campionato francese, 3 volte la Supercoppe francese, 4 volte la Liga, 2 volte la Copa del Rey, 4 volte la Supercoppa spagnola, 2 volte la Champions League, 1 Mondiale per Club e una Supercoppa Europea.

Commovente la visita di Thierry Henry a New York: "Quando lo vidi in fondo al corridoio cominciai a piangere come un bambino". Era insopportabile, come un coltello che lentamente s'infila in una ferita aperta. "Ero contento che venisse a trovarmi, ma non avrei voluto che mi vedesse in quel modo".

Altre Notizie