Mercoledì, 17 Ottobre, 2018

Pericolo valanghe, chiusa anche la strada Valtournenche, Breuil-Cervinia

Cervinia rompe l’isolamento Maltempo: con l'Epifania torna la neve fino a due metri sulle Alpi
Acerboni Ferdinando | 05 Gennaio, 2018, 10:06

La Protezione civile consiglia di "evitare di stare all'aperto se non strettamente necessario", scrive su Facebook la società Cervino spa che gestisce gli impianti di risalita. Da segnalare anche in mattina alcuni distacchi dai pendii dietro al Traforo del Monte Bianco. La zona è quella del Toula e della Brenva e il soffio è arrivato fino a valle. Non si ha al momento notizia di persone coinvolte. "Il fronte della valanga è di 3-400 metri. Non ci sono danni segnalati, stiamo valutando se riaprire", spiega il sindaco di Bionaz, Remo Chentre. Nel corso della giornata il pericolo valanghe è balzato al grado 4-forte (su una scala di 5) e dopo la caduta di due slavine la strada di accesso alla località è stata chiusa.

Il Centro funzionale della Regione Autonoma Valle d'Aosta segnala che, dopo una breve attenuazione delle precipitazioni nelle giornate di venerdì e sabato, si verificherà un sensibile peggioramento delle condizioni meteorologiche a partire dalla mattinata di domenica 7 gennaio 2018. La Protezione civile regionale mantiene costante il monitoraggio della situazione, in rapida evoluzione, su tutto il territorio.

L'esaurimento delle nevicate e il progressivo abbassamento della quota dello zero termico ridurranno i rischi, ma Sui settori di confine da Alta Valsusa saranno comunque ancora possibili diverse valanghe di neve a debole coesione, anche di media grandezza, da tutte le esposizioni. E il passaggio anche di un singolo sciatore fuoripista potrebbe provocare il distacco di altre masse di neve. Secondo ARPA Piemonte saranno il Piemonte occidentale e settentrionale le zone dove l'aumento del pericolo sarà maggiore.

Altre Notizie