Giovedi, 19 Luglio, 2018

Gas: riprende il flusso dal gasdotto austriaco

Esplosione gas Austria Snam forniture Italia garantite da stoccaggi Esplosione gas Austria Snam forniture Italia garantite da stoccaggi
Evangelisti Maggiorino | 13 Dicembre, 2017, 20:28

"È inaccettabile che si blocchi un gasdotto (il Tap, ndr)".

"Allo scoppio è seguito un incendio, ma la situazione è tornata sotto controllo", ha riferito la polizia.

Riprenderanno entro la mezzanotte le forniture di gas dalla Russia.

In casi come questi, spiegano al ministero dello Sviluppo Economico, la procedura per lo stato di emergenza scatta automaticamente ma "non c'è nessun problema di approvvigionamento" grazie agli stock esistenti.

Gli esperti del settore, e lo confermano Gas Connect Austria e Austrian Gas Grid Management, sostengono che l'incidente non dovrebbe creare problemi all'Italia, grazie agli stoccaggi. Il fuoco, divampato subito dopo la detonazione, è stato spento. "La causa dell'incidente non è ancora chiara, al momento pensiamo ad un guasto tecnico", spiegano ancora da Gas Connect Austria, sottolineando che "i gestori dei sistemi di trasmissione vicini sono stati informati immediatamente affinché misure possano essere adottate in tempo utile".

Austria, esplode terminale di gas: una vittima. "Dipende da quanto durerà il problema". Lo assicura in un'intervista al Messaggero Marco Alverà, ad di Snam, sottolineando che "il Mise si è mosso molto bene, facendo scattare tempestivamente il piano d'emergenza nazionale".

In seguito all'esplosione dell'impianto di distribuzione in Austria, i flussi di gas dalla Russia verso l'Italia si sono interrotti.

Le cause dell'incidente sono ancora ignote, note invece le conseguenze: un morto e 21 feriti e l'aumento del costo del gas, cresciuto in Italia del 215 % in 24 ore, raggiungendo i 75 euro per megawattora.

Altre Notizie