Вторник, 12 Декабря, 2017

Il "Padre nostro" è sbagliato, lo dice il Papa: ecco perché

Papa Francesco vuole rivedere il Padre Nostro: “Così è sbagliato” Papa Francesco: “Il 'Padre Nostro' è sbagliato”, ecco quale frase vuole cambiare
Evangelisti Maggiorino | 06 Декабря, 2017, 16:59

Il Dio che ci "induce in tentazione" "non è una buona traduzione", afferma infatti il Pontefice nella settima puntata del programma di Tv2000 intitolato proprio "Padre Nostro", in onda questa sera alle ore 21.05. Un padre non fa questo, un padre aiuta ad alzarsi subito. Perché "sono io a cadere, non è Lui che mi butta nella tentazione per poi vedere come sono caduto". A duemila anni dall'insegnamento di Gesù - come sappiamo dal Vangelo secondo Luca (11,1) - che rispondendo ai discepoli che chiedevano come pregare Dio, recitò loro il Padre Nostro, la traduzione italiana della preghiera potrebbe dunque subire una importante e necessaria "revisione".

Ha continuato, spiegando che "quello che ti induce in tentazione è Satana". Nella settima puntata, ospite il filosofo Umberto Galimberti, secondo cui "l'ottimismo del cristianesimo non esiste in altre culture".

Quanti di voi, nel recitare il Padre Nostro, hanno spesso pensato che stonasse la frase "e non ci indurre in tentazione"?

Il "Padre Nostro" è la più diffusa e conosciuta delle preghiere cristiane. "La frase attuale lasciava supporre che Dio volesse tentare l'essere umano mentre Dio vuole che l'uomo sia un essere libero", ha commentato il vescovo di Grenoble, monsignor Guy de Kerimel, citato dal giornale.

Ed ora a metterne in discussione la traduzione non sono solo alcuni teologi, ma anche Papa Francesco. Dopo mezzo secolo - la controversa versione venne introdotta il 29 dicembre 1965 - la Conferenza episcopale transalpina ha quindi optato per la nuova traduzione del Notre Père.

Altre Notizie