Lunedi, 11 Dicembre, 2017

Israele contro critici, 'Gerusalemme capitale da 3.000 anni'

20171204_105836_A9359E1A Tutti contro Trump sul riconoscimento di Gerusalemme capitale di ...
Evangelisti Maggiorino | 05 Dicembre, 2017, 17:31

Erdogan: "Signor Trump, non superi linea rossa". "Dobbiamo rimanere concentrati sugli sforzi per riavviare il processo di pace ed evitare qualsiasi azione che possa minare questi sforzi", ha fatto sapere l'ufficio dell'Alto rappresentante Ue per la Politica estera, Federica Mogherini.

Il trasferimento della capitale di Israele da Tel Aviv a Gerusalemme non è ancora una proposta formalizzata dal presidente americano Donald Trump, ma già ha creato tensioni all'interno della Lega Araba. Questa decisione potrebbe rappresentare un atto di riconoscimento di Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico. Perché in un momento delicato come questo per il Medio Oriente, un momento in cui il pericolo iraniano cresce ogni giorno, si stava assistendo ad un insperato quanto sorprendente avvicinamento degli arabi a Israele con il conseguente alleggerimento del sostegno alle posizioni palestinesi, un avvicinamento che però verrebbe bruscamente interrotto se il Presidente Trump dovesse annunciare il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele.

In un comunicato, l'Eliseo ha spiegato che Macron ha detto a Trump che "la questione dello status di Gerusalemme deve avere soluzione nell'ambito dei negoziati di pace tra israeliani e palestinesi".

Alle forti parole di Erdogan ha risposto il portavoce del ministero degli Esteri israeliano Nahshon, che alza la voce: "Gerusalemme è la capitale del popolo ebraico da tremila anni e la capitale di Israele da 70, senza riguardo se sia riconosciuta o meno da Erdogan".

La questione, ha proseguito Shoukry, va gestita "con la saggezza necessaria".

L'Arabia Saudita ha espresso "profonda preoccupazione" per la possibile decisione di Washington, avvertendo che questa avrebbe gravi conseguenze per il conflitto israelo-palestinese.

La Turchia mette in guardia dal rischio di "una grande catastrofe". Anche Trump ha firmato un documento del genere a giugno.

Altre Notizie