Lunedi, 11 Dicembre, 2017

Colpi di pistola a Roma: aggrediti Brumotti e la troupe di Striscia

039;Striscia la notizia': 'Spari a Roma contro una nostra troupe' Brumotti aggredito per la terza volta. A Roma spari e minacce
Deangelis Cassiopea | 03 Dicembre, 2017, 11:20

Due colpi di pistola, il lancio di un mattone che ha ferito un cameraman e minacce di morte contro Vittorio Brumotti e la sua troupe.

Secondo quanto riferito dal sito ufficiale del noto tg satirico, l'inviato di Striscia si trovava nel quartiere San Basilio per documentare lo spaccio di sostanze stupefacenti "che avviene alla luce del sole, gestito da alcune famiglie italiane, a quanto sembra, legate alla camorra". Adescato con la proposta di vendergli cocaina e altre droghe, Brumotti ha denunciato il traffico usando il megafono.

Nuova aggressione ai danni dell'inviato di Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti e della sua troupe. E' questo il bilancio dell'aggressione avvenuta a Roma e denunciata da Striscia la Notizia nella serata di sabato.

"Immediatamente", racconta il programma di Antonio Ricci, "da un blocco di case popolari si sono levate urla di insulti e minacce". Sceso dal furgone, l'inviato ha udito due colpi di arma da fuoco. Altre notizie sul sito e sui social di Striscia la notizia.

Bologna-Padova-Bologna: non la sfanga la troupe di Striscia la notizia.

Ancora attacchi alla troupe della fortunata trasmissione di Mediaset Striscia la notizia.

Il modus operandi di Brumotti è sempre lo stesso: adescare il pusher, richiedere la droga e, sul più bello, rivelare la propria identità denunciando il fatto con un megafono. Uno di loro sarebbe già stato identificato. Per Brumotti, che da tempo su Striscia sta portando avanti una campagna contro lo spaccio, si tratta della terza aggressione dopo quelle di Padova e Bologna. Nella città veneta, invece, l'episodio si era verificato il 22 novembre, quando Brumotti e i suoi operatori erano stati aggrediti nei dintorni della stazione ferroviaria.

L'inviato Vittorio Brumotti, con due cameraman, aveva filmato alcune cessioni di stupefacente, a quanto pare fingendosi un potenziale cliente. I militari della compagnia di Montesacro hanno effettuato un sopralluogo sul posto e stanno ascoltando diverse persone per poter ricostruire con esattezza la dinamica dell'aggressione.

Altre Notizie