Venerdì, 19 Luglio, 2019

Spaccio-choc a Catania: fra i pusher, anche un bimbo di 6 anni

Catania 36 arresti nel mercato della droga anche un bimbo di 6 anni tra gli spacciatori Catania. Blitz antidroga nel Librino 36 arresti
Evangelisti Maggiorino | 30 Novembre, 2017, 16:08

Forse si immaginava di giocare, mentre vendeva le dosi di cocaina e marijuana agli avventori giornalieri. L'accusa nei confronti degli arrestati è di associazione per delinquere finalizzata al traffico di cocaina e marijuana per conto di Cosa Nostra catanese.

E' uno dei particolari resi noti durante la conferenza stampa dell'operazione, denominata "chilometri zero", alla quale ha preso parte, tra gli altri, il procuratore della Repubblica Carmelo Zuccaro. La scoperta choc è stata fatta nel corso di una maxi operazione antidroga scattata oggi a Catania, che ha sgominato un vasto traffico all'ombra della mafia, con 36 arresti e un centinaio di perquisizioni. "A questo bambino è stato sottratto il futuro", hanno detto gli investigatori. Gli investigatori hanno sottolineato che si cercherà di "recuperare al più presto" il minorenne.

Le indagini, confortate dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, hanno consentito di collocare la gestione della "piazza di spaccio" all'interno della criminalità organizzata catanese facente capo al pluripregiudicato Rosario Lombardo, "uomo d'onore" di Cosa nostra e personaggio di spicco della famiglia mafiosa Santapaola già responsabile, sino al momento del suo ultimo arresto, lo scorso luglio, di tutte le piazze di spaccio del clan. Il guadagno si aggirava intorno ai 2.000 euro al giorno frutto di almeno 200 consegne di stupefacente.

L'organizzazione era di tipo piramidale, con ruoli divisi fra i componenti. La vendita dello stupefacente cessioni veniva ripetuta sino a 200 volte al giorno, e non conosceva sosta, se non nelle prime ore del mattino. Secondo gli inquirenti, gli arrestati spacciavano anche sui balconi.

Altre Notizie