Lunedi, 11 Dicembre, 2017

Giro 2018 - Inciampi politici per un "West" di troppo

Ciclismo il Giro d'Italia 2018 non passerà per la provincia di Terni								 					Share Ciclismo il Giro d'Italia 2018 non passerà per la provincia di Terni Share
Esposti Saturniano | 30 Novembre, 2017, 13:24

In un comunicato congiunto i ministri Miri Regev (Sport e Cultura) e Yariv Levin (Turismo) sostengono che "nella misura in cui nel sito del Giro non sarà cambiata la definizione che qualifica come punto di partenza 'West Jerusalem', "Gerusalemme Ovest", il governo israeliano non parteciperà alla iniziativa".

"Il Giro in Israele potrebbe essere annullato". Secondo il governo filo-governativo Israel ha-Yom della questione è interessato anche il ministero per le questioni strategiche. Una dicitura che rischiava di trasformarsi in un caso diplomatico. Alla presentazione gli organizzatori del Giro hanno annunciato che la gara partira' con una cronometro a "Gerusalemme ovest", termine che viene di solito usato da chi allude all'occupazione israeliana di Gerusalemme est nel 1967.

"Gerusalemme è una città unita. Se ciò non sarà cambiato Israele non parteciperà all'evento". Sul sito ufficiale del Giro d'Italia l'indicazione della località di partenza e arrivo della prima tappa dell'edizione 2018 è diventata "Jerusalem". Il giornale ha precisato che i ministeri sono giunti alla conclusione che "si tratta di pressioni di elementi filo-palestinesi, che vorrebbero sottolineare che Gerusalemme est non fa parte di Israele". Tornerà in Italia l'8 maggio con la Catania-Caltagirone.

Altre Notizie