Lunedi, 11 Novembre, 2019

Attacco in una moschea in Sinai, almeno 85 morti

Egitto, attentato in una moschea: bombe e spari sui fedeli, almeno 50 le vittime Egitto, attentato nel Sinai: bomba in moschea, poi spari sui fedeli in fuga. Almeno 50 morti
Evangelisti Maggiorino | 24 Novembre, 2017, 15:23

L'attacco è stato compiuto la mattina di venerdì 24 novembre contro una moschea nel nord del Sinai e ha provocato più di 50 morti. L'unico bilancio ufficiale per ora è quello fornito dal portavoce del ministero della Salute Khaled Mujahid, che ha parlato di 75 feriti. Secondo le prime informazioni giunte, l'attacco sarebbe stato condotto facendo esplodere un ordigno all'interno del luogo di culto e sparando sui fedeli che fuggivano in preda al panico dopo la deflagrazione.

L'edificio religioso colpito è la moschea di Bir al-Abed, a ovest della città di Arish, nella regione del Nord Sinai, in Egitto. Lo riferiscono fonti della sicurezza e mediche locali, riprese dall'emittente Sky News Arabia, aggiungendo che un altro centinaio di persone risultano ferite. Per ora non c'è stata nessuna rivendicazione, le autorità pensano però che si tratti di alcuni gruppi islamisti che si trovano in questa regione. Il presidente egiziano al-Sisi ha convocato una riunione d'emergenza con i responsabili della sicurezza.

Altre Notizie