Martedì, 25 Giugno, 2019

Riina, a Ercolano manifesti contro il boss morto

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 17 Novembre, 2017, 22:28

Muore Totò Riina ma non la mafia. A fugare ogni dubbio sul significato dell'immagine, anche la scritta 'shhh.' in bella evidenza, sul dorso del dito.

"E' un lavoratore ingiustamente accusato". "E se ne vada in silenzio con tutti i suoi segreti". In seguito Ciavarello aveva attaccato "gente di legge e giornalisti accaniti contro di noi'". Il tribunale di Bologna ha respinto questa richiesta e Riina è rimasto due anni ricoverato nel reparto detenuti nella clinica universitaria di Parma dove è deceduto dopo aver subito due operazioni ed essere finito in coma. Tornando al 2016, Maria Concetta aveva risposto sul presunto omaggio tributato alla sua famiglia, una statua di San Giovanni Evangelista posta sotto l'abitazione in cui vive Ninetta Bagarella, moglie di Totò Riina. Solo così il paese potrà separare il suo destino da quello di essere paese di mafia. Per gli inquirenti, nonostante la detenzione al 41 bis, era ancora il capo di Cosa nostra. "Sto parlando sull'onda dell'emozione perché c'è emozione, ma devo dire che questa non è una morte consolatoria", ha dichiarato infatti la conduttrice, aggiungendo: "La sua morte è arrivata a 87 anni mentre gli uomini dello Stato che ha ucciso erano tutti uomini che nella loro vita non hanno potuto proseguire nei loro affetti, nei loro interessi, nello stare vicini a mogli, figli e nipoti". A tal punto che i legali avevano chiesto un differimento di pena per motivi di salute.

"Le morti non suscitano mai entusiasmo certamente - ha detto Pippo Cipriani - però si capisce che va via una parte importante e pesante della storia di questa città e non solo, atteso che mai nel tempo Rina ha mostrato segni di cedimento, attenzione per le vittime, ripensamento rispetto al male fatto alla città, a se stesso, alla comunità". Ieri, quando ormai era chiaro che le sue condizioni erano disperate, il ministro della Giustizia ha concesso ai familiari un incontro straordinario col boss.

Altre Notizie