Lunedi, 18 Novembre, 2019

Banca Carige, 'salta' l'aumento di capitale da 560 milioni

Il nostro portafogli?
Ce lo chiede l’Europa Banche in caduta libera in Borsa. Allarme rosso per Carige: salta il consorzio di garanzia per l'aumento di capitale
Esposti Saturniano | 16 Novembre, 2017, 19:46

Sono invece state gettonate le azioni di Fca (+1,78%), nel giorno in cui Acea, l'associazione europea dei costruttori, ha annunciato che sono migliorate le vendite di auto nel mese di ottobre, dopo la frenata di settembre. A questi livelli di prezzo, la banca senese capitalizza 3,97 miliardi, meno della metà del recente aumento di capitale da 8,2 miliardi. "Alle attuali condizioni di mercato - commentano gli analisti di banca Akros - non escludiamo che Banca Carige venga messa in risoluzione dalla Supervisione. Ne seguirebbe probabilmente una separazione di good e bad asset, con una ricapitalizzazione della banca ponte da parte dello Stato e un'aggregazione in un gruppo più ampio, mentre le esposizioni non performing verrebbero trasferite a un investitore specializzato per un recupero in futuro".

Nuova tegola sul sistema bancario italiano. Su Carige, Malacalza Investimenti "intende confermare ancora la propria attitudine di sostegno, nell'interesse della banca, del territori e dell'azionariato tutto", ma la disponibilità non può "tradursi in una impropria supplenza della funzione del consorzio di garanzia e non può prescindere dalle determinazioni dell'autorità di vigilanza in merito alle istanze che sono state a essa rivolte".

Detto cio' le condizioni poste dalle tre big del credito per trasformare la pre-garanzia in garanzia non sarebbero mutate rispetto a quanto gia' concordato e l'impegno delle banche sarebbe rimasto intatto; ma senza la firma dei grandi soci le banche del consorzio non sarebbero disposte a firmare la garanzia. Tuttavia Carige non è riuscita a convincere il gruppo di Carlo Cimbri.

ASTALDI sospesa al rialzo, dopo la caduta dei giorni scorsi sui risultati e sull'annuncio di un piano di rafforzamento patrimoniale da 400 milioni di euro. In tanti sono passati dal chiedersi se l'aumento di capitale conviene e quindi se è il caso di aderire ad interrogarsi sulla fattibilità di questa operazione. Deboli anche Banco Bpm (-2,8%), Bper (-2,7%) e Ubi (-2,5%) mentre hanno tenuto Unicredit (-0,2%) e Intesa, cresciuta dello 0,07%.

Altre Notizie