Sabato, 25 Novembre, 2017

Maldini: "Sarebbe bruttissimo un Mondiale senza l'Italia"

Maldini Maldini lascia aperto un portone: «Tornerei nel calcio solo per Milan o Nazionale»
Cacciopini Corbiniano | 13 Novembre, 2017, 21:53

San Siro puo' dare di piu' ma anche togliere, se non hai personalita': "ho avuto compagni che preferivano giocare fuori casa, e' questione anche di feeling con uno stadio cosi' imponente".

Il grandissimo difensore ex Milan ed ex Nazionale, Paolo Maldini ha rilasciato alcuene dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport: "Sono teso, la partita è troppo importante". Anche per Maldini lo spareggio era quasi inevitabile: "Il girone con la Spagna era una sentenza, era superiore a noi e c'era la possibilita' dello spareggio sin dall'inizio". Sono stato capitano e giocatore della Nazionale per anni, mi sento dentro questa emozione globale che c'è in Italia. Mi ricorda Italia-Portogallo del 1993 e non oso immaginare un Mondiale senza l'Italia. La possibilità degli spareggi è sempre stata concreta. Molte volte si fa fatica nel girone ma poi si gioca un grande Mondiale. In Svezia non abbiamo fatto bene, siamo molto superiori a loro e non siamo stati capaci di controbattere a quella che era la loro unica qualità, la forza fisica. Ora mi aspetto un'Italia diversa. La prima è: qual è il futuro di questo movimento italiano?

In chiusura una domanda sul futuro di Paolo Maldini: "Tutti si chiedono perché non sono nel mondo del calcio ma è una scelta mia". In quella Coppa del Mondo asiatica la Nazionale di Trapattoni deluse le attese ma quella di Ventura, in caso di mancata qualificazione a Russia 2018, farebbe ancora peggio: "Si deve andare al Mondiale - dice Maldini - ma se non succederà, sarà anche colpa dei dirigenti". "Questa però è una di quelle partite che avrei voluto giocare".

Altre Notizie