Venerdì, 24 Novembre, 2017

Gp Brasile, Bottas in pole davanti alle Ferrari

Lewis Hamilton in azione sulla sua Mercedes Lewis Hamilton in azione sulla sua Mercedes
Cacciopini Corbiniano | 11 Novembre, 2017, 20:54

Ad Interlagos, nella qualifiche del Gp del Brasile (penultima prova Mondiale), la Mercedes fa sempre la voce grossa e si prende la pole position con il finlandese Bottas (1'08 " 322), che precede di appena 38 millesimi il ferrarista Vettel (1'08 " 360). Sono stato troppo timoroso nell'ultimo giro in Curva 1, Ho frenato troppo presto. La casella dello schieramento non è il risultato sperato, ma il finlandese è fiducioso in vista della gara: "Oggi siamo riusciti a migliorare la monoposto, sarà una gara lunga". Quattro posizioni con un margine totale di 58 millesimi, briciole di secondi in un circuito cortissimo ed emozionante. La Ferrari comunque ha dimostrato anche stavolta di essere competitiva su qualsiasi pista e questo non può che aumentare i rimpianti per come sono girate le cose da Monza in poi. Il pilota anglo-caraibico, neo campione del mondo, ha perso in curva il controllo della sua Mercedes che è andata a sbattere contro le barriere, costringendo il portacolori delle Frecce d'argento ad abbandonarla e a tornare a piedi ai box.

In generale la situazione sembra abbastanza chiara: "la Mercedes sembra molto veloce, poi ci siamo noi e la Red Bull è molto vicina".

"E' stata una sessione così così". Il quinto tempo delle qualifiche è di Daniel Ricciardo, staccato di oltre un secondo da Bottas, ma con gomme 'soft' visto che domani partirà più indietro per la penalizzazione di 10 posizioni dovuta alla sostituzione di alcune parti del motore.

In attesa dei tanto temuti sconvolgimenti regolamentari, che dovrebbero prendere piede nel campionato 2021 (con tanto di velate minacce del management Ferrari di abbandonare la Formula1), il prossimo anno le norme saranno quelle di questa stagione, quindi la Ferrari potrebbe (e dovrebbe) sfruttare gli ultimi due Gran Premi (si chiuderà ad Abu Dhabi il 26 novembre) per cominciare un lavoro in pista da traslare poi sui progetti per la vettura 2018. Sesto tempo per Kimi Raikkonen (1 " 10'117), con 45 giri all'attivo, entrambi su pneumatici supersoft. "Domani sarà interessante, quindi ora penso a ricalibrarmi e concentrarmi per domani".

Altre Notizie