Venerdì, 24 Novembre, 2017

Habemus Brexit: sarà il 29 marzo 2019 alle ore 23!

Brexit, Regno Unito Brexit sempre più difficile e lontana
Evangelisti Maggiorino | 10 Novembre, 2017, 20:58

A più di un anno dal referendum arriva la data ufficiale: il 29 marzo 2019 la Gran Bretagna uscirà dall'Unione Europea. A dichiararlo è Theresa May, che con un emendamento alla Withdrawal Bill, la legge quadro sul divorzio dall'Ue, ha messo nero su bianco giorno e ora della Brexit. Il tempo è poco e la May rischia sempre di più di non arrivare al traguardo che lei stessa ha stabilito. Il testo sarà discusso e votato dalla Camera dei Comuni la prossima settimana. Sul Telegraph la premier ha ammonito i parlamentari, chiedendo di non usare il passaggio in aula del disegno di legge per cercare di "rallentare o fermare" l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue. Non che sia una novità: è sempre stata questa la data annunciata a voce dalla May. Il rischio è che, se tra Gran Bretagna e Unione Europa ci dovesse essere un "muro contro muro", esportazioni e importazioni di auto costerebbero almeno il 10% in più, con relativo aumento del prezzo di listino. Nel dibattito è intervenuto anche lord John Kerr, uno degli autori dell'articolo 50 del Trattato sull'Unione Europea. Le parole di lord Kerr sono state riportate dal sito Open Britain, favorevole alla permanenza del Regno Unito nell'Ue. Il tutto con un Governo in preda ad un calo di popolarità vertiginoso ed impegnato a difendersi sui numerosi scandali di questi giorni che hanno portato alle dimissioni del ministro della Difesa. Da qui la necessità per May di fissare nel disegno di legge in discussione in parlamento una 'scadenza'.

Sulla questione dei diritti dei cittadini "abbiamo continuato a fare progressi", ha aggiunto, mentre sull'accordo per la compensazione finanziaria legata al contributo al bilancio dell'Ue "è stato fatto un chiaro progresso nel raggiungimento di un accordo".(ANSA).

Altre Notizie