Venerdì, 24 Novembre, 2017

Tassa rifiuti da anni la paghiamo maggiorata

Esborsi Tari non dovuti pagati da milioni di famiglie italiane Esborsi Tari non dovuti pagati da milioni di famiglie italiane
Esposti Saturniano | 10 Novembre, 2017, 19:37

Gli italiani ogni anno devono far fronte ad un numero non indifferente di tasse da pagare, e una delle più recenti introdotta ormai qualche anno fa è la TARI, la tassa sui rifiuti che rientra nella cosiddetta Iuc (Imposta unica comunale). Anche fino al doppio.

La "matassa" è stata scoperta dal parlamentare del Movimento Cinque Stelle Giuseppe L'Abbate, il quale grazie ad un collega commercialista è riuscito a carpire quei "dettagli" che non andavano in molte municipalità, tanto da chiedere un'interrogazione parlamentare.

La parte variabile - ha chiarito il Ministero dell'Economia - va calcolata considerando una sola unità abitativa comprensiva di eventuali pertinenze come garage o cantine. A spiegarlo nero su bianco è lo stesso Baretta, nella risposta scritta all'interrogazione: "Se una singola utenza è composta da un appartamento, un garage e una cantina, la parte variabile va considerata una sola volta e, di conseguenza, un diverso modus operandi da parte dei Comuni non trova alcun supporto normativo".

Tra quelli che hanno imposto ai cittadini aggravi non dovuti ci sono Milano, Genova, Napoli e Catanzaro.

Come controllare se il proprio Comune ha fatto bene i conti? Il calcolo della tassa avviene prendendo in considerazione una quota fissa, che dipende dai metri quadrati dell'immobile e una quota variabile che riguarda il numero di componenti del nucleo familiare. Le associazioni dei consumatori sono già sul piede di guerra per i rimborsi.

Altre Notizie