Lunedi, 20 Agosto, 2018

Svezia-Italia, parla Zlatan Ibrahimovic: "Saranno due finali, Verratti il più forte"

Lo svedese ex Atalanta Stromberg “Il biscotto del 2004? In Italia ho visto di peggio…” Svezia-Italia, parla Ibrahimovic: "Verratti l'Ibra azzurro, biscotto solo un alibi"
Cacciopini Corbiniano | 09 Novembre, 2017, 14:19

Una gara molto sentita dagli azzurri, che non vogliono assolutamente prendere in considerazione l'idea di non partecipare al Mondiale.

Jesper Blomqvist, ex Milan e Parma, ha raccontato la sua Svezia ai microfoni della Gazzetta dello Sport, a pochi giorni dallo spareggio con l'Italia. Le squadre faranno di tutto per passare, saranno vere e proprie finali. Giocare i play-off è tutta un'altra cosa rispetto al girone di qualificazione. "Oggi senza di me le pressioni non sono uguali". "Tutti hanno cominciato da zero e ora hanno l'opportunità di farsi vedere, il nuovo ct (Jan Andersson ndr) ha scelto giocatori con meno esperienza ripartendo da zero". Sì, Verratti, nessuno è più forte di lui, ma va utilizzato nel modo giusto. Non c'era niente di combinato.

Ibrahimovic torna sul presunto biscotto del 2004 tra Svezia e Danimarca che eliminò l'Italia dagli Europei: "La verità è che ci siamo giocati la partita a viso aperto ed è uscito un 2-2". Poi si sa come funziona, si cerca sempre di trovare scuse. Probabilmente no, ma mai dire mai: "Adesso sto pensando solo a tornare il prima possibile in campo, non alla Svezia o al Mondiale - spiega il bomber - La mia storia con la Nazionale è finita, potevo fare qualcosa di più, forse anche di meno, ma il mio tempo è terminato".

Alla domanda se l'Italia ha un giocatore simile a Ibra lui non ha dubbi: "Verratti. Sicuramente andare in Russsia sarebbe molto bello".

Altre Notizie