Lunedi, 20 Novembre, 2017

Ducati Panigale V4, regina di Eicma 2017

Ducati Panigale V4 il video ufficiale della supersportiva Primo giro al Mugello
Acerboni Ferdinando | 07 Novembre, 2017, 18:44

Per assicurarsi questa nuova creatura della casa di Borgo Panigale saranno necessari 16.850 euro.

Per raggiungere questo obiettivo si è fatto uso di tecnologie derivate dalla MotoGP mentre lo sviluppo in pista, fatto assieme ai tecnici e ai piloti di Ducati Corse, ha permesso di realizzare una moto estremamente efficace in pista ma anche godibile su strada.

Una moto pensata per una guida più fluida e comoda grazie anche ai vari sistemi che fanno parte della due ruote.

Se di Ducati si sa praticamente tutto, Rizoma è un'azienda all'avanguardia, che si è specializzata nella produzione di accessori un alluminio, ricavati dal pieno. La già elevata potenza del motore Desmosedici Stradale in configurazione di serie cresce ulteriormente, raggiungendo i 226 CV, montando lo scarico racing completamente in titanio, realizzato da Akrapovič su specifiche Ducati Corse.

Per il 2018 Ducati aggiorna anche la maxi-enduro Multistrada, svelando a Eicma la nuova versione 1260 equipaggiata con un nuovo motore, con una ciclistica ancora più evoluta e con un look che si impreziosisce grazie alla presenza di nuovi cerchi più leggeri e "ali" laterali. Perché era già chiaro dall'inizio che la moto avrebbe fissato nuovi parametri in termini di prestazioni e sofisticatezza.

Volendo contenere il più possibile l'inevitabile incremento di peso rispetto alla 1299 Panigale, dovuto al maggiore frazionamento, Ducati ha sviluppato un inedito telaio denominato "Front Frame". "Sul mercato ci sono altri motori V4, ma nessuno ha l'albero controrotante e scoppi asimmetrici (soluzioni che aumentano la maneggevolezza, ndr)".

Significa che questa nuova superbike italiana non solo ha tutti i controlli elettronici che servono (traction control dinamico, sliding control, antimpennata, cambio elettronico bidirezionale, freno motore regolabile, sistema di acquisizione dati, Abs cornering, launch control, sospensioni semi-attive per le versioni S e Speciale), ma che tutto questo ben di dio, grazie all'esperienza della MotoGp e all'utilizzo di una piattaforma inerziale a sei assi, permette a chi sta in sella, per esempio, di "giocare" con il gas in uscita di curva per far derapare in modo più o meno evidente - ma sempre controllato - la ruota posteriore, tanto in entrata quanto in uscita di curva, per chiudere le traiettorie con maggiore efficacia e con meno rischi. Tutti questi controlli, sviluppati in pista assieme ai collaudatori e piloti ufficiali Ducati, sono integrati nei tre Riding Mode (Race, Sport e Street) e modificabili tramite il nuovo e innovativo cruscotto TFT che pone la Panigale V4 a leader tecnologico della categoria.

Altre Notizie