Mercoledì, 17 Luglio, 2019

Carabinieri, arriva il calendario storico 2018

Attendere qualche minuto stiamo preparando il video Attendere qualche minuto stiamo preparando il video
Evangelisti Maggiorino | 07 Novembre, 2017, 16:34

Ieri a Roma, presso il Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo "MAXXI", alla presenza del Comandante Generale dell'Arma Tullio del Sette, si è svolta la cerimonia nazionale di presentazione della nuova edizione del calendario storico 2018 dell'Arma dei carabinieri e oggi a Latina, presso il comando provinciale diretto dal colonnello Gabriele Vigliano, i militari pontini hanno illustrato - nel corso di una conferenza stampa - la rappresentazione visiva delle 12 pagine pagine corrispondenti ai mesi del prossimo anno: l'impegno per l'ambiente, la sicurezza personale e sociale, la tutela delle categorie deboli, l'integrazione multiculturale, il valore della tradizione, la libertà di espressione, la libertà di riunione, la cooperazione internazionale, la tutela del patrimonio culturale, la tutela dei minori, l'ordinata convivenza civile, l'identità culturale.

E' stato quindi proiettato un filmato di presentazione del Calendario e, a seguire, Massimo Giletti ha aperto la discussione coinvolgendo Ugo Nespolo, Bartolomeo Pietromarchi, Philippe Louis Daverio e Silvia Di Paolo, che hanno commentato le tavole 2018. "Nel calendario sono riportate opere di artisti stranieri da tutto il mondo che ritraggono interventi dei carabinieri in diversi ambiti, riprendendo i valori dell'Arma".

Nato nel 1928, dopo l'interruzione post-bellica dal 1945 al 1949, quest'ultimo tornò a vivere nel 1950 e da allora è stato puntuale interprete delle vicende dei Carabinieri e della stessa Storia d'Italia.

Il calendario di quest'anno chiude un ciclo, iniziato nel 2016, in cui l'Arma dei Carabinieri ha reso omaggio a quelle che sono le arti figurative principali: la pittura e la grafica.

Il Calendario, divenuto ormai un oggetto di culto, ha raggiunto già una tiratura di 1.300.000 copie, di cui quasi 11.000 in altre lingue (inglese, francese, spagnolo, tedesco, arabo e quest'anno anche giapponese, cinese e russo), indice sia dell'affetto di cui gode la Benemerita, sia del valore dei suoi contenuti, che ne fanno un prodotto editoriale apprezzato ed ambito.

"Un appuntamento atteso e tradizionale", ha commentato il comandante provinciale Luca Mennitti.

Nelle ultime due tavole interne, i simboli del nostro stemma araldico rendono il tradizionale, doveroso omaggio al sacrificio e al valore degli eroi che tanto lustro hanno dato all'Arma e al Paese.

Zearo ha introdotto anche l'agenda 2018 dei carabinieri, che si concentrerà sull'attività dei militari dell'Arma nello sport.

Altre Notizie