Martedì, 23 Luglio, 2019

Trump a Seoul: sistemerò tutto con Moon Jae-in

USA e Giappone contro Cina: invasione via terra contro la Corea del Nord “Aiutare gli USA nella crisi nordcoreana è nell'interesse di Mosca e Pechino”
Deangelis Cassiopea | 07 Novembre, 2017, 13:34

Trump ha incontrato il presidente della Corea del Sud Moon Jae-in, i soldati statunitensi e i politici locali.

"Non possiamo consentire che la Corea del Nord minacci tutto ciò che noi abbiamo costruito", ha detto Trump.

La prossima tappa del lungo tour asiatico di Trump sarà proprio a Pechino, dove avrà un vertice col presidente cinese.

Una particolare enfasi l'ha messa sul tema dello sbilancio nel settore delle automobili, sottolineando che lo scorso anno solo 15mila automobili americane sono state vendute in Giappone. E, in questo senso, ha lodato il ruolo della Cina nell'affrontare la questione nordcoreana, a suo dire, "molto, molto utile". A tal proposito, Moon ha annunciato la rimozione dei limiti di carico delle testate dei missili di Seul, regolato in base a un accordo con gli Usa, al fine di rafforzare la potenza dei vettori balistici. La protesta dovrebbe ripetersi anche domani, quando Trump è atteso in parlamento. Parole chiare, che hanno sullo sfondo una questione non risolta: i trattati tra i due paesi prevedono che il comando delle forze sudcoreane in caso di conflitto sia devoluto a un Comando congiunto guidato da un generale Usa, ma la precedente amministrazione Obama aveva concordato con Seoul di cambiare questo stato di fatto, mettendo a capo dell'eventuale struttura congiunta un alto ufficiale sudcoreano. L'amministrazione Usa ha affermato che quel tipo di visita era diventata un "cliché".

Altre Notizie