Lunedi, 19 Agosto, 2019

Regionali Sicilia, CasaPound: "Di fronte a tanta miseria, non possiamo che astenerci"

Regionali Sicilia, CasaPound: “Di fronte a tanta miseria, non possiamo che astenerci” Elezioni regionali in Sicilia, domenica si vota Ecco come è possibile esprimere le preferenze
Evangelisti Maggiorino | 04 Novembre, 2017, 11:33

La scheda contiene il contrassegno di ciascuna lista che concorre nell'ambito provinciale, affiancato da una riga riservata all'eventuale indicazione della preferenza per un candidato alla carica di deputato regionale appartenente alla lista. I candidati in corsa che si contendono la poltrona di Palazzo d'Orleans, sono Giovanni Cancelleri, Giuseppe Fava, Roberto La Rosa, Fabrizio Micari e Nello Musumeci. I siciliani dovranno barrare con una 'x' la lista provinciale prescelta e, inoltre, potrà esprimere una preferenza per il deputato regionale, scrivendo il nominativo del candidato.

Dopo le recenti dichiarazioni di Luigi Genovese ("Il primo passo è mandare a casa Accorinti, poi si vedrà"), arriva immediata la replica di Ketty Bertuccelli, candidata all'Ars per la lista "Cento Passi per la Sicilia - Claudio Fava Presidente", che risponde per le rime. Sulla destra segnerà con un'altra 'x' il nome del candidato alla presidenza della Sicilia o il simbolo della lista o, infine, entrambi. È ammesso il voto disgiunto: l'elettore può votare una lista regionale e una provinciale seppur non collegate tra loro. Questo secondo quanto stabilito dalla legge costituzionale n.2/2001. Dunque che vinca il miglior candidato e la migliore squadra. La legge regionale approvata dal 2005 ha infatti introdotto l'elezione diretta del presidente della Regione, che potrà essere scelto a prescindere dai partiti. Le province con più abitati eleggono sempre più deputati. Si tratta di una lista bloccata che funziona come una sorta di premio di maggioranza per il vincitore della tornata elettorale. Da ultimo, ricordiamo che non sono ammesse le liste per l'attribuzione dei seggi che hanno ottenuto meno del 5% totale regionale dei voti prodotti. - Sarà una sfida a cinque per l'aggiudicazione della prestigiosa carica in successione a Rosario Crocetta.

Nello Musumeci, 62 anni, di Catania, è il candidato del centrodestra, sostenuto dalle principali forze politiche (FI, Lega, FdI). Sulla stessa linea Giancarlo Cancelleri, sostenuto dal M5S: "La Sicilia deve diventare la più grande impresa di turismo del mondo: in cinque anni, attraverso un fondo regionale sul turismo, bisogna iniziare a fare turismo tutto l'anno nella nostra Regione per creare nuovo lavoro". Per il centrosinistra, invece, il candidato è Fabrizio Micari, attuale rettore dell'Università di Palermo, incarico da cui si è congedato per proiettare la propria concentrazione sulla campagna elettorale. Claudia Fava è il candidato governatore alla guida dell'area di sinistra, appoggiato dai bersaniani di Articolo 1-Mdp, Sinistra Italiana, Possibile, e Verdi. Roberto La Rosa è il candidato di Siciliani Liberi, Avvocato penalista del Foro di Palermo, classe 1956, ha al suo attivo una militanza indipendentista pluridecennale.

Altre Notizie