Venerdì, 17 Gennaio, 2020

Pensioni, Padoan: "Adeguamento età confermato", Camusso: "Ingiusto"

Riforma pensioni novità calcolo età pensionabile. La proposta del Governo 10 novembre 2017
Evangelisti Maggiorino | 04 Novembre, 2017, 06:40

La prima, caldeggiata dal Pd, era appunto quella far slittare di sei mesi la scadenza di fine anno del decreto 'direttoriale' Lavoro-Economia che dà attuazione all'adeguamento automatico dell'età pensionabile.

Nessun rinvio di sei mesi, almeno per il momento, della decisione amministrativa per rendere operativo l'adeguamento a 67 anni, nel 2019, dei requisiti di pensionamento all'aspettativa di vita certificata dall'Istat. Per scoprire se i sindacati riusciranno ad ottenere qualcosa in più, specie sullo stop dell'adeguamento dell'età pensionabile collegato all'aspettativa di vita, calata nel 2015, non resta che attendere. "I temi della crescita, occupazione dei giovani e inclusione sociali sono i pilastri" della manovra.

Nell'elenco potrebbero rientrare le undici categorie di lavori gravosi già individuati all'interno dell'Ape social: dalle maestre agli infermieri, dai muratori ai macchinisti, tutte o in parte. Padoan, che ha anche sottolineato come molti punti della legge di Bilancio siano stati apprezzati dai sindacati, ha poi proseguito: "Abbiamo concordato che nel tavolo tecnico si considererà la possibilità di modificare e migliorare i meccanismi che attualmente determinano la cadenza di adeguamento dell'età pensionabile sotto il vincolo che eventuali modifiche non intacchino la sostenibilità del sistema previdenziale che è un pilastro fondamentale della sostenibilità finanziaria del Paese". Con i quali - unica concessione al principio - si è "stabilito un tavolo, che avrà aspetti tecnici e politici, che riguarderà la possibilità di estendere le categorie assoggettate ai lavori gravosi per vedere di staccarle dal meccanismo di aumento automatico". "Ci può costare in Ue", ha commentao il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, al tavolo con i sindacati. Il 13 novembre "verificheremo se davvero c'è la disponibilità a cambiare i meccanismi dell'età pensionabile e a differenziare i lavori, oppure se non c'è", ha detto la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, evidenziando che dunque davanti c'è "un tempo ragionevolmente stretto, altrimenti bisognerà scegliere altre strade".

Ci siamo la 'Fase 2' della previdenza prenderà ufficialmente il via da domani, Governo e sindacati riapriranno il confronto sul cantiere previdenziale. Da poco il Governo ha concesso la flessibilità in uscita alle categorie di lavoratori più disagiati, attraverso l " ape sociale e la quota 41. "Non hanno il coraggio di prendersi le loro responsabilità e di rimediare al danno compiuto dalla Lega ai tempi del ministro Maroni e dalla Fornero".

Altre Notizie