Giovedi, 18 Luglio, 2019

Montella e Montolivo in sala stampa: "L'Europa è la casa del Milan".

Montolivo: «Voglio giocare di più. Rapporto con Montella? Come con gli altri…» Montolivo: “Mentalità europea? In campo non va la storia del Milan. Io speravo di giocare di più, ma…”
Cacciopini Corbiniano | 02 Novembre, 2017, 17:50

"Anche se per molti sono all'ultima spiaggia penso che un po' di turnover sia necessario dopo un ciclo così ravvicinato di partite", ha commentato Montella. Il Milan torna ad Atene 10 anni dopo il trionfo Champions e nello stesso stadio, ma stavolta contro un altro avversario, quell'Aek che insegue a due punti i rossoneri nel girone. "Sono sereno - sottolinea il tecnico del Milan -, conosco i rischi del mestiere, sento che la società mi sostiene con convinzione". Pensavamo di avere delle difficoltà ma non fino a questo livello: "i grandi cicli si ottengono nel momento in cui c'è reazione alle difficoltà". "Forse sto gestendo questo momento rispetto a quello dell'anno scorso perchè quest'anno le critiche sono più giustificate". Probabilmente gli avrà fatto bene questa settimana di squalifica, perché dall'esterno le cose si vedono meglio e può essersi reso conto. Antonelli per esempio non è stato convocato per scelta tecnica per stessa ammissione del suo allenatore. "E' normale che io voglia giocare di più ed è normale avere dei confronti con il proprio allenatore".

Il centrocampista ci tiene pero' a sottolineare che non c'è alcuna crepa nel rapporto con Vincenzo Montella, come paventato in questi giorni: "Quando le cose non vanno bene si dicono tante cose, ne ho lette molte e sinceramente non capisco come sia possibile scriverle. Vero che gli altri vanno particolarmente forte e noi particolarmente piano, ma c'è ancora tempo per recuperare". L'unica cosa che devo fare è lavorare e convincere il mister che si sta sbagliando.

Altre Notizie