Giovedi, 17 Ottobre, 2019

Dustin Hoffman accusato di molestie sessuali. L'attore si scusa

Dustin Hoffman Dustin Hoffman
Deangelis Cassiopea | 01 Novembre, 2017, 23:21

In un articolo su Hollywood Reporter Anna Graham Hunter ha scritto che nel 1985, quando aveva 17 anni ed era stagista sul set di "Morte di un commesso viaggiatore", Dustin Hoffman la molestò. La vittima, Anna Graham Hunter, è una scrittrice, che all'epoca era una stagista di 17 anni.

L'attore accusato si è scusato.

Hunter, che ricorda di essere stata "inizialmente lusingata" dalle avances, "ma poi non più", denuncia che Dustin Hoffman "mi ha chiesto di fargli un massaggio ai piedi nel mio primo giorno di set, e io non l'ho fatto". Flirtava apertamente, mi palpava il sedere, parlava di sesso davanti a me.

Un vaso di Pandora che si è aperto a partire dagli scandali che hanno investito il produttore cinematograficoHarvey Weinstein, passando per il regista James Toback (tirato in ballo da oltre 300 donne), e per le accuse a Kevin Spacey, e adesso al protagonista de 'il laureato'. Hoffman si è già scusato: "Ho il massimo rispetto delle donne e mi fa sentire terribilmente male sapere che qualcosa che ho fatto possa averla messa a disagio". Poi mi ha detto: "Vorrei un uovo sodo...e un clitoride alla coque". Il suo entourage è scoppiato in una risata. Io sono rimasta senza parole. "Una volta scappai in bagno a piangere", racconta l'autrice. Le riprese sono durate cinque settimane, e per tutti i giorni la donna ha tenuto un diario che ha deciso di rendere pubblico proprio in questi giorni.

"Il coming out di Spacey?". Le cose iniziarono a farsi pesanti quando, andando alla limousine, Hoffman le ha toccato il sedere per quattro volte, e dopo che la ragazza si è lamentata chiamandolo "vecchio maiale", l'attore ha risposto dicendo "No, sono un giovane maiale, guarda quanti capelli!". La scrittrice ricorda anche di avere subito confidato quanto successo a un suo superiore che le rispose, però, di "sacrificare" alcuni dei suoi valori per il bene della produzione. "Lui era un predatore, io una bambina, e i suoi comportamenti erano molestie sessuali".

Altre Notizie