Mercoledì, 13 Dicembre, 2017

Alternanza scuola lavoro, verso lo sciopero: blitz notturno in tuta blu

I bambini delle medie non possono tornare a casa da soli lo dice una circolare Una circolare vieta ai bambini delle scuole medie di tornare a casa da soli.
Evangelisti Maggiorino | 13 Ottobre, 2017, 01:56

Ad esempio nella circolare di una scuola media romana si legge: "In caso di ritardo da parte del genitore (o delegato) nel prelevare l'alunno, il docente della classe affida il ragazzo al personale collaboratore scolastico, che, con l'aiuto del personale di segreteria, provvede a rintracciare il genitore". In particolare si assisterà a novità che investiranno le commissioni mediche competenti per quanto concerne il riconoscimento e la certificazione dell'handicap, e le scuole per quanto attiene la stesura dei percorsi didattico-formativi, le modalità di valutazione dei livelli degli apprendimenti e delle competenze raggiunti dagli studenti, la formulazione della documentazione riguardante l'attestazione delle competenze fino ad oggi adottata dalle Istituzioni scolastiche per gli alunni diversamente abili sia per sostenere gli Esami di Stato, sia per coloro che svolgeranno percorsi formativi in alternanza scuola-lavoro. Sarebbe una vera fortuna abitare in prossimità di una scuola media così almeno il bambino può tornare a casa da solo e la vita frenetica di un genitore rallenta. Di conseguenza, "chiunque abbandona una persona minore di 14 anni della quale abbia la custodia o debba avere cura, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni". Che con ogni probabilità dovranno rassegnarsi, dal momento che la via delle liberatorie nasconde un'insidia: se un dirigente chiede ai genitori di firmare un documento di scarico responsabilità è come se riconoscesse l'esistenza di un pericolo; cosa che agli occhi di un giudice, più che uno sgravo, può costituire un'aggravante. Un fatto tragico su cui il legislatore ha ribadito che fino a 14 anni, gli alunni che non prendono lo scuolabus, devono tornare a casa accompagnati dai genitori o da terzi da loro delegati. In caso non si presenti nessuno, il Preside potrebbe addirittura chiamare la Polizia.

Sempre da Corriere.it si legge la dichiarazione del pedagogista Daniele Novara che sulla questione ha dichiarato: "La circolare è un'idea balzana dettata dalla paura, dalla mancanza di responsabilità pedagogica e dalla burocratizzazione della scuola". "In Italia solo il 30% dei ragazzini torna a casa da solo, nel resto dell'Europa si arriva al 90%". Il traffico - precisa l'esperto - è fortemente aumentato e basta uno sguardo alle statistiche per vedere la crescita di reati nei confronti dei ragazzi. Li vogliamo chiudere in casa? Perché, con quella circolare, la confusione regna sovrana.

Altre Notizie