Giovedi, 14 Dicembre, 2017

Denise Pipitone: Chi l'ha Visto mostra alla madre una nuova foto

Denise Pipitone, la procura di Messina cerca tracce di Dna nelle impronte digitali Giallo Denise, una speranza arriva dai Ris di Messina
Evangelisti Maggiorino | 12 Ottobre, 2017, 12:55

Dopo l'assoluzione in Cassazione della sorellastra Jessica Pulizzi, unica imputata per la sua scomparsa, la mamma Piera Maggio non si è arresa e ha continuato a lottare, sostenuta dall'avvocato Giacomo Frazzitta.

Ieri la trasmissione di Rai 3 Chi l'ha visto ha trattato nuovamente il caso di Denise Pipitone, la piccola scomparsa a Mazara del Vallo il 1 settembre 2004.

La somiglianza sarebbe molto accentuata, specie in alcuni dettagli del volto, ma ci sono troppe domande che non hanno ancora risposta, a partire da dove e quando la foto sarebbe stata scattata.

Andrà in onda stasera una nuova puntata di Chi l'ha visto? Il corpo, invece, presenterebbe delle criticità: l'immagine potrebbe essere artefatta e il capo potrebbe essere stato ritagliato e posto su un corpo diverso dall'originale. Ovviamente la segnalazione è stata subito posta all'attenzione della Polizia Postale. In realtà già dalla scorsa primavera Piera Maggio e il suo legale avevano chiesto gli accertamenti su alcune impronte invece la Procura ha esteso tali esami su tutte le impronte che a suo tempo furono rilevate. Ed anche questa è una novità di rilievo.

Ora le impronte digitali di Denise sono state inviate al Ris dei carabinieri di Messina perché attualmente sono disponibili nuove tecniche di indagine per risalire al DNA della bambina dalle impronte digitali.

La Procura non dispone di un reperto-campione delle impronte di Denise Pipitone, tuttavia durante le ricerche della bambina sono state rinvenute tracce di impronte di manina ma mai si è potuto stabilire (in assenza del campione d'impronte) se quelle tracce fossero o meno riconducibili alla piccola scomparsa. E questo potrebbe aprire nuovi scenari, intanto determina una riapertura del caso per la ricerca del DNA nelle impronte.

Altre Notizie