Giovedi, 14 Dicembre, 2017

Preso latitante clan Di Lauro, tradito dalla partita Napoli-Inter

Un'immagine dello stadio San Paolo durante Napoli Atalanta dello scorso 27 agosto Un'immagine dello stadio San Paolo durante Napoli Atalanta dello scorso 27 agosto
Machelli Zaccheo | 11 Ottobre, 2017, 14:10

Tradito dalla sua passione per il calcio, per la sua squadra del cuore: per il Napoli. Arrestato dai carabinieri il 33enne Emanuele Niola, ritenuto elemento di spicco del clan camorristico dei Di Lauro e, fino a qualche anno fa, referente nonché controllore per conto del gruppo criminale della piazza spaccio del Rione dei fiori, il cosiddette "Terzo mondo" da sempre appannaggio dei Di Lauro nel quartiere Secondigliano di Napoli.

Ricercato perché condannato in appello per spaccio di droga, voleva andare a vedere Napoli-Inter, in programma il 21 ottobre allo stadio San Paolo. Un conoscente, incaricato dell'acquisto del biglietto per Niola, ha tentennato un po' troppo quando era sul punto di fornire le sue generalità, necessarie per l'emissione del tagliando. Non ha opposto resistenza ma ha riferito di "volere una nuova vita" ai carabinieri. A lui gli investigatori sono arrivati grazie alla prenotazione di un biglietto per Napoli-Inter che si terrà tra 10 giorni: chi stava procurando gli ingressi per Niola, in una telefonata, ha fornito solo il proprio nome temporeggiando su quello del latitante e questo silenzio ha insospettito i militari.

Altre Notizie