Martedì, 16 Ottobre, 2018

Trovata la testa di Kim Wall

Danimarca delitto del sottomarino ritrovata la testa della giornalista Kim Wall La giornalista svedese Kim Wall
Evangelisti Maggiorino | 08 Ottobre, 2017, 03:04

E' di queste ore la notizia che sono state ritrovate le gambe e la testa della giornalista svedese Kim Wall; a darne la notizia è direttamente la polizia con un comunicato diramato a mezzo stampa.

La reporter era stata vista viva per l'ultima volta il 10 agosto mentre saliva a bordo di un sottomarino fai-da-te, poi affondato l'11 agosto, realizzato dall'inventore danese Peter Madsen (46 anni) che la Wall avrebbe dovuto intervistare. Il suo torso mutilato venne ritrovato il 21 agosto su una spiaggia presso Copenaghen. Jens Moller Jensen, ispettore della polizia di Copenaghen, ha fatto sapere ai cronisti che la polizia ha ritrovato una borsa con i vestiti della vittima e un'altra con la testa e le gambe, confermando, anche attraverso il lavoro della scientifica, che si trattava di Kim Wall. Un inventore danese, il 46enne Peter Madsen, è stato arrestato con l'accusa di omicidio colposo ma nega qualsiasi addebito. Madsen sostiene infatti che la giornalista è morta accidentalmente, colpita alla testa da un pesante portellone, e che lui l'avrebbe solo "sepolta in mare".

Tuttavia, martedì scorso il pm danese Jakob Buch-Jepsen ha detto che sul torso mutilato della giornalista c'erano 15 ferite da coltellata, aggiungendo però che le cause della morte della donna non sono ancora state stabilite con certezza.

Inoltre, nei giorni scorsi, nel corso di perquisizioni nella residenza e negli uffici di Madsen, gli agenti hanno trovato nei suoi computer e negli archivi elettronici diversi dischetti con video di torture, mutilazioni e uccisioni di donne.

Altre Notizie