Martedì, 23 Luglio, 2019

Infortunio Milik, la Spal non ci sta: "Il nostro campo non c'entra"

Milik, si teme una rottura del legamento crociato Milik, altro infortunio al legamento crociato, domani sarà operato
Cacciopini Corbiniano | 27 Settembre, 2017, 00:11

L'attaccante del Napoli, che sabato scorso durante la partita contro la Spal si è infortunato al ginocchio destro, in mattinata presso la clinica Villa Stuart si è sottoposto ad un intervento per la ricostruzione del legamento crociato. "In futuro avrà pochi problemi", ha spiegato Alfonso De Nicola ai microfoni di Radio Kiss Kiss. E per riposarsi prima di tuffarsi nel duro allenamento che lo aspetta, Mertens si concede una giornata di relax al Quisisana di Capri con la compagna e il suo indivisibile cane. "Abbiamo riscontrato una lesione più complessa e l'interessamento di più strutture, tutte chiaramente riparate". "Il ginocchio e' stato rinforzato e l'attaccante azzurro tornera' in tempi simili a quelli dello scorso infortunio". Sfortunato o predisposto? Mariani non ha avuto dubbi: "Ci sono dei fattori predisponenti, ma il fattore predisponente in questo caso è che il ragazzo gioca a calcio".

Quattro mesi, la riabilitazione, il solito percorso ma anche un pizzico di preoccupazione in più, proprio perché si tratta del secondo episodio.

SU MISTER SARRI "Anche lui fuma, non tutti lo sanno. Vediamo se abbiamo la stessa determinazione in Coppa così come in campionato. c'è da combattere con l'inconscio, ma bisogna provarci".

L'infortunio di Arkadiusz Milik non è stato causato dal terreno di gioco dello stadio Mazza.

A questo punto deve essere sorto spontaneo parlare di turnover. "Un'attività che fattura sui 2 miliardi di euro l'anno non può avere uno strumento di lavoro non all'altezza". Gara già fondamentale per i partenopei che hanno steccato l'esordio contro lo Shakthar: gli azzurri dovranno centrare i 3 punti ma proveranno a farlo senza una pedina importante come Milik. Penso che lui possa dare garanzie. Ounas è un potenziale, non ci dà ancora garanzie perchè non è del tutto inserito nel nostro modo di giocare, è molto istintivo. "È un giovane molto istintivo, ha le caratteristiche per diventare una bella rottura per gli avversari".

Altre Notizie