Giovedi, 14 Novembre, 2019

Champions League, probabili formazioni Napoli - Feyenoord: in attacco scelte obbligate

Probabili formazioni Napoli Feyenoord Champions League GRAFICO FORMAZIONI – Napoli-Feyenoord, tre novità per Sarri. Olandesi a specchio: le probabili formazioni
Cacciopini Corbiniano | 25 Settembre, 2017, 18:48

A partire della gara casalinga contro gli olandesi del Feyenoord niente più sbagli, realisticamente vincere è un obbligo per rimettere le cose a posto nel Gruppo F. "Differenze tra Champions e campionato? No". "E' stato sfortunatissimo e stava tornando in grande condizione, mi dispiace tanto ma non dobbiamo piangerci addosso". "E se l'infortunio di Milik fosse capitato per il campo indegno di sabato?", ha detto il tecnico. Sarai fondamentale. Non so se gioco (ride, ndr), ma se facciamo bene le nostre cose possiamo mettere in difficoltà qualsiasi avversario. Comincio a capire perchè gli allenatori parlano solo di mercato.

15,41 - Jorginho: "Sto bene e mi sento in forma, a questi livelli posso certamente migliorare". Ounas è un ragazzo che ha grandissime qualità, anche contro il Benevento, appena entrato, ha dimostrato di che pasta è fatto. E' vero che riderebbe le partite ma toglie un sogno a tante città e diminuisce il numero di appassionati. Bisognerebbe trovare un periodo solo per le nazionali. C'è da cancellare il brusco stop dello 'Stadio Metalist' e quale occasione migliore per farlo davanti ai propri tifosi, con il Napoli che domani sera (calcio d'inizio alle ore 20:45) ospiterà il Feyenoord, sulla carta la squadra meno forte del girone, ma comunque da prendere con le pinze. Sulle cessioni di Zapata e Pavoletti il tecnico dice: "Non sono io il presidente o il direttore sportivo". Non ho venduto nessuno.

Potrebbe esserci qualche cambio rispetto alla squadra ammirata sabato pomeriggio a Ferrara: "Dovrò fare tutte le valutazione del caso, ma è ovvio che avvicenderò i calciatori più stanchi. Dovremo trovane una soluzione alternativa con quello che abbiamo, la squadra però il punto di riferimento l'ha". Alla fine dei 95' di gioco gli ucraini sono usciti vittoriosi dal campo per 2-1, con un Napoli fuori dal match sino al 60'. Per fortuna alcuni di loro non danno segni di stanchezza e questa è una cosa ottima.

Altre Notizie