Martedì, 19 Settembre, 2017

Narcos, uno dei produttori è stato ucciso in Messico

Un uomo della produzione di “Narcos” è stato ucciso in Messico Ucciso in Messico un location manager mentre cercava luoghi per Narcos 4
Deangelis Cassiopea | 17 Settembre, 2017, 16:02

Un assistente di produzione della nota serie Netflix Narcos è stato ucciso in Messico mentre cercava location per la serie. Carlos Muñoz era un location manager da oltre dieci anni e aveva lavorato, tra le altre cose, anche con Mel Gibson per "Apocalypto" e per "Spectre" di Sam Mendes, che inizia proprio a Città del Messico.

Il corpo è stato trovato ore dopo, nella sua macchina, e presentava diverse ferite di arma da fuoco.

La zona in cui si trovava Carlos Muñoz è nota perché sotto controllo di alcuni spacciatori di droga e ci sono stati numerosi omicidi.

Netflix ha confermato la morte di Muñoz in un comunicato di condoglianze alla sua famiglia. "I dettagli riguardo la sua morte sono ancora sconosciuti e le autorità stanno indagando".

La quarta stagione di Narcos esplora le origini del noto cartello messicano di Juarez.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

Altre Notizie